Storia di come sono diventata una modella: Emily DiDonato

Classe 1991, 178 cm, curve perfette (86-64-89), sguardo magnetico e un pizzico di fortuna, unita alla genuinità e intelligenza. Sembra il cocktail perfetto per la donna che ogni uomo vorrebbe al proprio fianco ma Emily DiDonato è anche di più. La sua storia potrebbe essere d’ispirazione per ogni ragazza che sogna di entrare nella top ten delle modelle più richieste dalle case di moda contemporanee e la ricetta del suo successo è racchiusa in pochi “semplici” ingredienti.

Emily DiDonato è una rara bellezza americana cresciuta in una cittadina di Orange County nello stato di New York ma le sue radici sono italiane. Il cognome non mente, i suoi nonni fanno parte di quella parte di nostri connazionali migrati in America alla ricerca di fortuna e i tratti mediterranei di Emily le danno proprio quel tocco di autenticità che ha fatto innamorare stilisti e fotografi.

Occhi azzurri, sguardo da cerbiatta, viso scarno sul quale è dipinta una bocca carnosa che spesso e volentieri vediamo tinta di rosso. Emily viene scoperta a soli 17 anni “per caso” quando, ancora al liceo, un amico di famiglia le consiglia di tentare la carriera da modella. Il successo non tarda ad arrivare e la carriera di Emily subisce un’ascesa extra-ordinaria.

Dapprima protagonista della campagna pubblicitaria per la linea Rugby di Ralph Lauren diventa poi il volto di Guess, Calvin Klein, Maybelline e Giorgio Armani con la sua celeberrima “Acqua di Gioia”. La sua carriera le esplode letteralmente tra le mani quando si accaparra il ruolo di protagonista di una campagna pubblicitaria proiettata su Times Sqare, insieme a Christy Turlington: il giovane ne decanta la bellezza inimmaginabile e Emily si conquista la fama internazionale.

Il fisico scultoreo le assicurano l’attenzione di Victoria’s Secret, compare su numerose riviste, da Glamour Usa e Uk a Vanity Fair Italia e solo nel 2010 era nella classifica delle “50 top women”. Givenchy, Louis Vuitton, Chanel, Just Cavalli, Miu Miu e Calzedonia sono solo alcuni dei big che si sono lasciati ammaliare dal carattere ipnotico di Emily.

Ma quello che rende Emily DiDonato una modella che piace moltissimo è anche l’impegno sociale e per l’ambiente ai quali si dedica con costanza e altruismo. Per lei è fondamentale impegnarsi in progetti socialmente utili perché «Significa essere di esempio per gli altri, ma anche usare in modo consapevole la piattaforma sociale o altre forme analoghe di influenza, piccole o grandi. Penso che tutti possiamo fare la differenza, si tratta solo di decidere che cosa ci appassiona o conta per noi e fare quel che si può per avere un impatto. Tutto conta, poco o tanto che sia» racconta a Marie Claire.

View this post on Instagram

A star is born ? on set today with Mom

A post shared by Emily DiDonato (@emilydidonato) on

Dietro a quel sorriso genuino c’è una donna a tutto tondo, intelligente, sensibile, attenta all’ambiente e a consumare prodotti beauty eco friendly: ecco cosa fa di lei non solo un’icona di stile ma anche un modello da seguire.

Avatar

Written by Natalina Ginsburg

Tezenis 2019 costumi

Costumi da bagno 2019: tendenze primavera-estate 2019

Lucky Blue Smith

Lucky Blue Smith: super modello e padre premuroso