Steve Jobs, la biografia

Monica
24/10/2011

Da oggi, 24 ottobre 2011, in tutte le librerie del mondo è disponibile la biografia di Steve Jobs, patron di Apple recentemente scomparso, scritta da Walter Isaacson

Steve Jobs, la biografia

Da oggi in libreria
Il 5 ottobre 2011 è mancato uno dei geni indiscussi della storia recente: Steve Jobs.

In tutto il mondo, da quel giorno è stato mantenuto vivo il suo ricordo sia sui media tradizionali, sia sul web e nelle pagine dei social network, che sono stati letteralmente invasi da pensieri e ricordi sul guru di Apple; in particolare le frasi più salienti e suggestive del suo discorso pronunciato a Stanford sono state riprese più volte fino a diventare per molti delle vere e proprie massime di vita.

Da oggi, 24 ottobre, in tutte le librerie del mondo – reali e virtuali – è disponibile la sua biografia scritta da Walter Isaacson, attuale direttore dell’Aspen Institute, ex presidente di Cnn e giornalista del Time, in cui viene ripercorsa la vita del visionario della Silicon Valley, la genesi delle sue incredibili creazioni e tutto quello che ha portato a una vera e propria rivoluzione digitale, da lui magistralmente guidata.

Nel libro, voluto dallo stesso Jobs, per lasciare un ricordo ai suoi figli, vengono raccontati episodi inediti della vita del creatore dell’impero della Mela, e i suoi pensieri su tutto e tutti: dalla nascita di Apple, alle tensioni con Google per il lancio di Android, fino alla malattia, che inizialmente ha deciso di curare con la medicina alternativa per poi pentirsene, passando attraverso l’incontro con Obama e il difficile rapporto con le donne.

L’unica biografia autorizzata da Jobs si basa su 40 interviste a Jobs e su più di 100 colloqui con familiari, amici, rivali e colleghi condotte negli ultimi 2 anni da Isaacson, il tutto sviscerato in 630 pagine.

Interessante nel volume, in Italia edita da Mondadori, il motivo che ha spinto Jobs a scegliere una mela morsicata come simbolo della sua azienda: Steve ha scelto il nome Apple, perché il frutto faceva parte di una delle diete vegetariane che seguiva da adolescente, e poi perchè il nome “mela” era “divertente, vivace e non intimidatorio”.

Nel testo anche un riferimento all’ultimo grande progetto di Steve: la produzione di una tv integrata Apple: “vorrei creare un sistema integrato assolutamente facile da usare. Vorrei che potesse essere sincronizzato con tutti i device e con iCloud eliminando così telecomandi, cavi e lettori dvd”.

La biografia di Jobs pare essere già destinata a diventare un film: secondo alcuni media americani, dopo aver realizzato la pellicola premio Oscar “The Social Network” su Mark Zuckerberg di Facebook, la Sony Pictures starebbe trattando per acquistare i diritti dell’opera di Isaacson.