Sophia Hadjipanteli monobrow model: “Il mio monosopracciglio è un manifesto di diversità”

Diventa famosa grazie al suo aspetto poco convenzionale, i fashion magazine le dedicano centinaia di copertine

“Non sono dell’idea che esista un solo look “ok” per quello che riguarda le sopracciglia. Sono per la libertà di espressione: qualsiasi cosa faccia sentire a proprio agio è degna di attenzioni. Personalmente amo le sopracciglia folte, perché trovo che mettano in risalto gli occhi, ma al contempo adoro le sopracciglia rigorose e dritte perché sono piene di personalità”. Sophia Hadjipanteli

Sophia Hadjipanteli, di origini cipriote-greche, studentessa di marketing presso la University of Maryland e modella, piuttosto che eliminare la peluria in eccesso come fanno tutte, ha deciso di lasciare le sue sopracciglia così come sono, al naturale. Sophia ha scatenato sul web numerosi commenti negativi, ma anche commenti positivi.

La bellezza nel 2020

Come si può definire la bellezza nel 2020? Forse come l’ossessione della perfezione, che si sa, non esiste. Labbra carnose, zigomi alti e naso alla francese, sono le carte vincenti per fare successo nel mondo, ma non per Sophia Hadjipanteli che sfida i canoni estetici a favore di un nuovo concetto di bellezza. Quotidianamente posta su Instagram foto del suo volto e non si nasconde, anzi va fiera di questa sua particolarità: “Non posto le mie foto perché voglio che le persone apprezzino il mio monociglio”. Ad oggi Sophia ha ottenuto numerose copertine delle riviste più famose del fashion system.

Monociglio

Sophia Hadjipanteli ha persino creato l’hashtag #UnibrowMovement su Instagram e grazie al suo monociglio è diventata il simbolo della battaglia pro-diversity. La modella rappresenta un esempio per i giovani di oggi, schiavi di quel modello di perfezione che ci rende tutti uguali, molte ragazze sul web hanno deciso di aderire al suo movimento.

Anticonvezionale

“Le mie sopracciglia sono i neri corvi del malaugurio che volano sopra il campo di grano di Van Gogh” Frida Kalho

Non possiamo che associare Sophia Hajipanteli all’iconica Frida Khalo che ha fatto dell’unicità della sua bellezza un vero e proprio punto di forza. La società spesso tende ad imporci modelli sbagliati senza comprendere affondo l’effetto devastante che hanno su donne e uomini di tutte le età. Ambire a diventare qualcosa che non siamo, può renderci davvero felici?

“A mio avviso oggi le persone sono troppo ossessionate da quello che pubblicano sui social. Per me vince la spontaneità: mi piace pubblicare foto di momenti belli e brutti, senza censurarmi. Instagram è come un diario e mi aiuta anche a ricordarmi di quando, anni fa, soffrivo perché non riuscivo ad accettarmi. Oggi lo uso principalmente per mettermi in contatto con una community di amici davvero vasta”. Sophia Hajipanteli

Avatar

Written by chiaradinunzio

Kwane stewart

La grande umanità del veterinario Kwane Stewart, cura gratis gli animali dei senzatetto

Virgil Abloh è l’erede di Karl Lagerfeld: il nuovo “Kaiser” del fashion system