Silvia Baldoni, influencer da 36k follower, svela il segreto del successo

Silvia Baldoni e Carmelo Celano sono come il gatto e la volpe. Silvia e Carmelo sono anche – e soprattutto – una giovane coppia marchigiana con un grande potenziale, espresso. Lei 24 anni, segretaria con “orari flessibili” in azienda, lui alla soglia dei trenta dipendente della Caritas con il pallino e il talento per la fotografia. Insieme scoprono il potenziale – questa volta per loro ancora inespresso – dei social media e, soprattutto, Instagram.

Oggi il profilo di Silvia Baldoni conta ben 36 mila follower e non sembra accennare ad una tendenza al ribasso: e pensare che, come racconta ad AnconaToday, fino ad un anno fa Silvia Baldoni non aveva nemmeno un profilo Instagram. Questa storia è una storia che parla di passione e di successo coordinati e amalgamati da una buona dose di coraggio e intraprendenza, oltre che team building. Silvia scopre Instagram grazie all’input che gli fornisce Carmelo, travel blogger amatoriale. Unitamente al blog di Carmelo, Silvia inizia a studiare l’impero creato da Chiara Ferragni e ne comprende il grandissimo valore imprenditoriale.

Ma come usare Instagram per emergere un quella che sembra una fossa dei leoni? I social network sembrano essere un luogo ormai saturo di influencer ma Silvia non si lascia abbattere, lei ha un’idea di imprenditoria digitale che secondo lei può funzionare e non è solo a caccia di like. Inizia a studiare i segreti del web e piano piano costruisce il suo virtual business puntando su aziende e negozi del territorio, Ancona e dintorni.

Oggi sono le stesse aziende che chiedono a Silvia uno spazio per pubblicizzare i propri prodotti e il successo non tarda a oltrepassare i confini marchigiani. Silvia racconta che, con l’aiuto di Carmelo che si occupa di tutta la parte fotografica, ciò che rende il suo business diverso dagli altri è che per lei la professionalità arriva prima di tutto. Nessuna foto svestita, nessuna foto pretestuosa che cerchi l’appoggio dei like ma puro e semplice fashion marketing. Si reca nelle boutique che le chiedono una sponsorizzazione e indossa i capi richiesti, il tutto non in cambio di denaro ma in cambio di prodotti.

In questo modo il business cresce, i prodotti da pubblicizzare non mancano et voilà, il potenziale Instagram, espresso. In pochissimo tempo i follower arrivano senza sforzi particolari, senza #followforfollow o fallaci tecniche di procacciamento di consensi. Silvia tiene all’idea di distinguersi dalla massa concezionale e punta prima di tutto sulla professionalità.

I compensi arriveranno quando le fondamenta saranno abbastanza solide da non crollare e a chiunque l’ha accusata di vagare senza meta in un etere infinitamente vasto Silvia risponde: professionalità, serietà, coraggio e ambizione non possono che garantire il successo. Anche i più grandi maratoneti hanno iniziato poggiando a terra il primo piede.

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

L’ombretto verde è il nuovo spring/summer trend: Selena Gomez docet

Beatrice Valli

Beatrice Valli è malata? La nota influencer ricoverata in ospedale, fan in allarme