Shopper personalizzate, la soluzione perfetta per la promozione di un marchio

Utili, destinate a essere impiegate nella vita di tutti i giorni e soprattutto versatili: le borse personalizzate con logo costituiscono la soluzione ideale per le aziende che ambiscono a ottenere risultati importanti dal punto di vista del marketing. Sono numerose le imprese che hanno afferrato il concetto e hanno imparato a conoscere e riconoscere le qualità delle shopper personalizzate dal punto di vista della comunicazione: articoli sono in apparenza semplici ma in realtà estremamente efficaci quando si tratta di lavorare sulla visibilità e fare in modo che un marchio possa essere apprezzato dal grande pubblico.

Perché scegliere le borse personalizzate

La versatilità delle shopper fa sì che queste possano essere scelte in molteplici varianti: un ricco ed eterogeneo assortimento di proposte in grado di andare incontro ai gusti più diversi e assecondare qualunque tipo di aspettativa. Sul piano del marketing sono davvero interessanti i risultati che possono essere raggiunti, anche perché si parla di un investimento contenuto dal punto di vista economico. Si pensi, per esempio, alle buste in carta personalizzate, che sono perfette per le aziende e più in generale per tutte le attività commerciali che vogliono porre l’accento sulla dimensione della sostenibilità ambientale: così, i marchi mettono in evidenza il proprio approccio green con l’intento di catturare l’attenzione di un buon numero di consumatori che prestano attenzione al tema della sostenibilità.

Buone ragioni per preferire le shopper di carta

Le buste garantiscono una varietà davvero notevole di soluzioni disponibili per ciò che riguarda le tecniche di personalizzazione a cui si può ricorrere, anche in considerazione delle numerose lavorazioni su cui si può far affidamento. Esistono, infatti, vari metodi di stampa, da scegliere a seconda dell’obiettivo a cui si mira. Tra le caratteristiche che offrono la piena libertà di scelta, per esempio, ci sono le dimensioni, incluse quelle relative alla lunghezza dei manici. La customizzazione può coinvolgere, inoltre, tutti gli aspetti grafici, sempre tenendo conto delle necessità dei consumatori. Vale la pena di tener presente, per esempio, che sono soprattutto i negozi di abbigliamento e i punti vendita di prodotti alimentari ad adoperare le buste di carta personalizzate.

La scelta della carta

Più in generale, comunque, tutti i marchi che vogliono farsi notare per il proprio approccio ecologista dovrebbero valutare l’idea di propendere per le buste in carta, in quanto si tratta di un materiale che può essere interamente riciclato. Come ben sanno gli esperti di marketing delle aziende, la scelta del materiale va sempre effettuata in considerazione degli obiettivi aziendali. Le borse personalizzate – non solo quelle in carta, ma anche – per esempio – quelle in tessuto – offrono una dimostrazione perfetta di come si possano produrre degli articoli sostenibili. Sono numerosi i benefici che ne scaturiscono, a cominciare dalla possibilità di consolidare l’identità di un marchio e migliorare la sua riconoscibilità. Ecco perché non esiste business che non possa trarre vantaggio dal ricorso alle shopper personalizzate.

Dove trovarle e come ordinarle

Le aziende che desiderano puntare sulle shopper per promuovere il proprio marchio possono trovare nel catalogo di Gadget365 un valido alleato: si parla di un ricco assortimento di articoli, con proposte diverse che hanno in comune la convenienza del rapporto qualità prezzo che le contraddistingue. Gadget365 è un’azienda italiana con uffici e reparto di logistica in Lombardia: è membro di Assoprom e da anni è un punto di riferimento per professionisti e imprese che desiderano realizzare campagne di comunicazione tramite l’oggetto, pur avendo tra i propri clienti anche privati e associazioni.

Il valore della sostenibilità ambientale

Tornando alle numerose proposte a disposizione per le shopper personalizzate, nel settore del lusso dovrebbero essere preferite quelle senza manici, molto apprezzate anche nel mondo della cosmetica. In base al formato che le caratterizza, queste shopper si trasformano in veri e propri accessori di moda, con un aspetto simile a una pochette o a una borsa clutch. Le buste di carta devono essere sempre scelte tenendo conto del contesto di riferimenti e avendo in mente gli obiettivi che ci si prefigge di raggiungere. Il discorso è diverso per le buste in plastica, un materiale che al giorno d’oggi viene ampiamente demonizzato: puntare su questa soluzione, dunque, potrebbe essere un boomerang sul piano della reputazione. Piuttosto, meglio valutare altri materiali ecosostenibili, come il sughero o le fibre di bambù, ma anche l’acido polilattico.

I colori delle buste

Uno dei fattori che vanno scelti con estrema cura è quello cromatico. Con il nero non si corre mai il rischio di sbagliare, ma bisogna sempre valutare il settore di riferimento e le connotazioni semantiche che possono caratterizzare ogni tonalità, a maggior ragione nel settore del benessere e del lusso. Il rosso, l’oro e il viola sono, invece, tinte che comunicano un’idea di prestigio e di eleganza. Non bisogna scordare, infine, che i gadget promozionali – come le shopper personalizzate – forniti dalle aziende parlano per quelle aziende e ne comunicano i valori, la mission e l’approccio verso i clienti. Ecco perché non bisogna mai rinunciare alla ricerca della massima qualità solo con l’obiettivo di risparmiare.

Written by Redazione

Chi è Anthony Hopkins: vita privata e carriera dell’attore da doppio premio Oscar

Cracco, dal podere romagnolo ai navigli milanesi: "La mia sfida al Covid"

Chef Carlo Cracco all’arrembaggio! Dal podere romagnolo ai navigli milanesi: “La mia sfida al Covid”