Shein, il colosso dello shopping online è avvolto nel mistero. Ecco perché se ne sa così poco

Nessuna campagna pubblicitaria, alcun testimonial, uffici stampa, investitori esterni a cui chiedere informazioni: Shein è un mistero

Se non hai mai sentito parlare di Shein vuol dire che non vivi sul pianeta terra. Il titanico colosso dell’e-commerce di moda, finora ha collezionato solo successi e non far parlare di sé sembra proprio la sua strategia.

Shein, il colosso dello shopping online è avvolto nel mistero

Lo scorso 11 maggio l’app del gigante dello shopping online, è diventata ufficialmente la più scaricata del settore sia su Android e che su iOS negli Stati Uniti. Solo per darvi una tara, è più scaricata di Amazon. Ma non è finita certo qui: è dal 2008, da quando è stato fondato, che Shein ogni anno vede un aumento dei fatturati del 100%. Per non parlare dell’anno in cui e-commerce di ogni sorta sono letteralmente esplosi, il 2020. L’anno scorso Shein ha fatturato 10 miliardi di dollari contro i 4,5 del 2019. Gira bene eccome. Ma il mistero che ruota attorno al colosso online è che di Shein non è che non si parli, è che non se ne sa praticamente quasi nulla. Accedendo al sito, alla sezione “Su di noi”, si legge che Shein è un servizio BtoC, ossia diretto, Business to Consumer, e che opera in 220 Paesi. Tra questi Australia, Europa, USA e Medio Oriente.

L’ultima cosa che è possibile apprendere è che “il suo obbietivo è di rispettare la sua filosofia secondo cui tutti possono apprezzare la bellezza della moda”. Non si sa nient’altro. Nessuna campagna pubblicitaria, oltre ai banner che saltano fuori un po’ dappertutto online, alcun testimonial, uffici stampa, investitori esterni a cui chiedere informazioni. Nemmeno una pagina su Wikipedia da consultare. Fra poco, non c’è nemmeno un fondatore: si sa che il suo creatore, è tal Chris Xu. Stando ad alcune bio, l’imprenditore cinese si è laureato alla Washington University, leggendone altre, invece, ha studiato in Cina, prima di trasferirsi a Nanjing, sede del brand. Si sa con precisione che Shein è cinese, con sede in Cina e produzione anche, ma è completamente assente dal mercato locale: il suo giro d’affari è proiettato solo verso l’estero. Che mistero!

Marina Ripa di Meana, i suoi gioielli extra lusso battuti all’asta: le cifre sono esorbitanti

Written by Erika Barone

Quattro idee fai-da-te per far sembrare la tua casa un hotel di lusso: ogni particolare è importante

Per la miglior skincare affidiamoci a prodotti di alta qualità e all’ampia selezione premium