Settimana del Design: Lexus d’artista

Lexus L-finesse ‘elastic diamond’ ecco l’evento che ha portato a Milano il meglio dell’arte e del design giapponese contemporaneo.

Grande appuntamento per Lexus all’edizione 2008 della Settimana del Design di Milano.
La casa automobilistica ha festeggiato l’importante appuntamento milanese con un’installazione artistica intitolata Lexus L-finesse ‘elastic diamond’ che, come per gli anni precedenti, combina la filosofia di design Lexus L-finesse con i più raffinati esempi dell’arte e del design giapponese contemporaneo.

Istallata presso il Museo della Permanente di Milano la mostra ha rappresentato l’incontro straordinario di due diversi ordini di valori, avanguardia ed eleganza, attraverso la collaborazione  con lo studio di design d’avanguardia giapponese nendo, diretto da Oki Sato e Lexus.

Luce, movimento e struttura uniti ed esaltati da un’ installazione mozzafiato dove ha trovato spazio anche un modello scultura del concept Lexus LF-Xh, un SUV a tecnologia ibrida, presentato in anteprima al Tokyo Motor Show 2007, e una seduta artistica chiamata Diamond Chair, realizzata in esclusiva per Lexus con l’impiego delle tecnologie più avanzate.

La collaborazione con nendo rappresenta per Lexus un ulteriore passo in avanti per diffondere ancora più ampiamente le proprie idee estetiche a livello internazionale e noi di luxgallery.it abbiamo incontrato Oki Sato selezionato da Newsweek come uno dei “100 giapponesi di successo riconosciuti a livello internazionale”.

Cosa rappresenta nel mondo la Settimana del Design milanese? È importante per lei essere qui. Perché?
La Settimana del Design di Milano non rappresenta solo l’opportunità di mostrare un prodotto più o meno innovativo, ma da la possibilità ad un artista di mostrare la filosofia che la sua creazione custodisce.
Dalla prima volta qui a Milano nel 2002 per noi di “nendo” è diventato un appuntamento imperdibile e molto speciale.

Come è nata la collaborazione con Lexus e l’installazione che avete preparato?
È stata Lexsus a sceglierci osservando le nostre opere e da li abbiamo iniziato a condividere idee e progetti.

Che ruolo ha il design italiano a livello mondiale?
Fondamentale, possiamo imparare moltissimo e trarne ispirazioni interessanti

Qual è la sua definizione di design?
Per nendo fare oggetti di design significa regalare alle persone un momento, migliorare la giornata, dare un valore aggiunto anche inconscio, ma che sia in grado di trasformare la quotidianità in opportunità.

Il design e l’arte sono due mondi vicini?
Per me si molto, così come lo sono sempre di più il mondo dell’architettura, dal quale provengo, del fashion e molto altro ancora.
La contaminazione è la chiave del design oggi

Da dove trae l’ispirazione per le sue crazioni?
La vita di tutti i giorni da un sacco di spunti, basta solo osservare i dettagli.
Sicuramente sono affascinato dalla tecnologia, dai materiali innovativi e dai fenomeni naturali e di conseguenza lascio che mi influenzino nelle mie creazioni

Che qualità bisogna avere per diventare designer?
La cosa fondamentale è la capacità di mediare tra creatività e razionalità controllando le emozioni

Qual è la sua idea del lusso?
Per me il lusso è la sera prima di andare a dormire.
Vivere pienamente ogni singola giornata è il lusso più grande.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Salone del Mobile 2008: i forni Miele

Recarlo e la gioielleria Haute Couture