Settimana del design: Veuve Clicquot

“Il Design tra consistenza e audacia”

Ma cos’è l’audacia e in che modo è strumentale al processo creativo?
In occasione dell’inaugurazione della settimana milanese dedicata a design Veuve Clicquot ha chiesto a Stefano Giovannoni, Jason Bruges, Karim Rashid, Christian Schwamkrug, Pablo Reinoso e Christophe Pillet, moderati da Giovanni LanzoneDirettore del Master Business Design in Domus Academy – di raccontate l’essenza della loro professionalità, alla ricerca di un equilibrio e di una fusione tra consistenza e audacia.

I sei designer hanno tracciato un percorso attraverso l’apparente dicotomia tra sostanza e forma, tra passione, emozione, talento e competenza, vere nel mondo del design come nella storia della Maison Veuve Clicquot Ponsardin, fin dalle sue origini, quando Madame Clicquot ha ridisegnato la storia dello Champagne.

Se per Stefano Giovannoni, designer italiano, l’audacia è un requisito indispensabile insieme alla curiosità e al coraggio di cambiare continuamente, per il designer australiano e londinese Jason Bruges l’audacia ha un tratto ludico e giocoso indispensabile per far risaltare anche le cose più semplici nella loro capacità di stupire ed entusiasmare.
Karim Rashid, designer egiziano, invece, trova la chiave nella sensualità (sensual minimalism) e nella multiculturalità spinte propulsive ad andare oltre le convenzioni, le apparenze e la quotidianità.

C’è audacia anche in una visione del Design più tecnica e “meccanica” come quella di Christian Schwamkrug, designer tedesco di Porsche Studio e anche in Pablo Reinoso, designer argentino che re-interpreta con originalità i temi classici e che interpreta l’audacia vivendo costantemente nel dualismo tra il pensiero razionale della funzione e il cammino dell’arte della forma.
Per finire troviamo Christophe Pillet, designer francese che lavora sulle forme iconiche della contemporaneità mettendole fuori dal tempo, vive il suo mestiere e la sua vocazione come uno story teller, un romanziere, un regista.

Ma, alla Milano Design Week 2008, Veuve Clicquot è protagonista in duplice veste.
Infatti, proprio in questi giorni c’è la presentazione ufficiale di Veuve Clicquot Globalight un’interpretazione glamour e contemporanea nata dal genio di Karim Rashid a metà tra lampada dalla personalità mutevole e porta bottiglia isotermico.
Un oggetto ideale per assaporare in ogni momento l’intensità di Veuve Clicquot Rosé, esaltandone le caratteristiche più profonde, ovvero il romanticismo, la seduzione, la modernità e la vitalità.

Veuve Clicquot Living – Via Stendhal, 35
dal 16 al 21 aprile 2008
Orario continuato 12.00-24.00

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Salone del Mobile: Driade, forme classiche e ispirazione dalla natura

Fuori Salone 2008: Blumarine e Kartell