L’olimpo della moda brinda ai semifinalisti del premio LVMH del 2019

La notte del 3 marzo, a Parigi c’è stato un ingorgo nel quartier generale di LVMH, icone della moda e membri della giuria come Chiara Ferragni e Naomi Campbell; le sorelle Hadid; i designer della scuderia LVMH tra cui Maria Grazia Chiuri, Clare Waight Keller e Virgil Abloh; e la star di Pose, Indya Moore, che si è unita alla folla per salutare i finalisti del LVMH Prize di quest’anno. Immancabile infine lo sciame di telecamere che ha seguito ogni loro mossa.

lvmh
Chiara Ferragni e Delphine Arnault

«Per me è altrettanto travolgente ed emotivo, perché sento ancora come mi sentivo l’anno scorso. Sono solo felice di essere qui, ma più rilassato.»  ha affermato  il designer londinese Rok Hwang, ex vincitore «sono successe così tante cose da allora, ma è così carino vederli tutti. So esattamente come si sentono.».

lvmh
Indya Moore

Anche Indya Moore ha rilasciato dei commenti emozionati e sentiti. «Tutto mi ha colpito. La passione e l’amore di base sono così intrecciati in ogni tessuto che ho visto stasera, è incredibile. Mi fa male solo vedere quanto sia competitivo, voglio solo che tutti vincano. È così bello; la loro passione mi fa venire voglia di piangere. Credo in ognuno di loro.». E facendo oscillare una borsa monogram di Louis Vuitton a forma di uovo, ha svelato di star covando un paio di progetti. «Sono la figlia di Louis e Nicolas [Ghesquière] è mio padre» ha scherzato «ho delle sorprese in questo uovo, non vedo l’ora che si apra.» 

lvmh
Maria Grazia Chiuri

Le sorelle Hadid, circondate da uno spiegamento di sicurezza formato da quattro uomini, hanno continuato a divertirsi all night long. «Siamo davvero entusiaste di ascoltare le storie di tutti, perché tutti provengono da un luogo diverso, una storia diversa. Essere in grado di vedere chi sono attraverso i vestiti è davvero fonte di ispirazione per noi» ha riassunto Bella. Gigi ha invece aggiunto: «Quando inizi a sentire le storie, è difficile non investirci emotivamente. Ho lavorato nel design e ho compreso il tempo, il cuore e il processo di pensiero che riguardano ogni pezzo: è importante ascoltare ciò che vogliono condividere ».

lvmh
Bella Hadid e Gigi Hadid

Alla domanda su come hanno visto le collezioni di Parigi finora, Gigi si è esposta: «Quello che amo di Parigi è che i designer sono così senza sforzo. Sono semplicemente iconici. Fanno le loro cose, ed è così bello tornare.» Per quanto riguarda il fatto che sarebbero tornate per la cerimonia del Premio LVMH, a giugno, le ragazze hanno fornito risposte divergenti. «Se siamo invitate» scherza Gigi. «Aspetta, ho bisogno di passare prima questa settimana, che giorno è oggi?» ha continuato a scherzare la sorella.

Avatar

Scritto da Erika Barone

Body Positive Catwalk, la modella Laura Brioschi con Lisca per dire no alla discriminazione

Colpi di testa 2019: taglio, colore, accessori e finish più giusti