Sedute di design alle Olimpiadi 2012

Bench to Bench di Martino Gamper

Ancora design per le Olimpiadi 2012.
Se l’archistar irachena Zaha Hadid ha progettato l’Aquatics Centre destinato alle gare di nuoto, ora è una firma italiana ad essersi prodigata per la kermesse sportiva più attesa dell’anno.

L’arredo urbano di Londra potrà sfoggiare delle sedute artistiche grazie al progetto Bench to Bench di Martino Gamper.

Si tratta di panchine e sgabelli che puntellano l’itinerario cittadino verso l’Olympic Park, l’area che ospita molti degli impianti sportivi in cui si terranno le competizioni olimpiche.

I pezzi di street furniture sono stati commissionati dalla London Thames Gateway Development Corporation (Ltgdc) con l’obiettivo di dimostrare che l’arte e il design possono giocare un ruolo importante nello sviluppo sociale ed economico di una metropoli.

Bench to Bench di Martino Gamper

In effetti leggere un libro, sorseggiare una bibita o semplicemente godersi il paesaggio urbano, accoccolati su una di queste sedute offrirà l’occasione per mitigare le profonde differenze sociali che caratterizano i quartieri Victoria Park e Hackney Wick a est del Tamigi (nei pressi dello Stadio Olimpico)

Bench to Bench di Martino Gamper

Bench to Bench si distingue per l’uso di materiali riciclati; del resto abbiamo visto come anche un monumento simbolo della capitale britannica, il Tower Bridge, sia interessato da una ristruturazione in chiave green in vista delle Olimpiadi.

L’estro di Martino Gamper è pronto a mettere in dialogo lo sport con le aree urbane meno turistiche di Londra.

www.gampermartino.com

Written by Chiara

Acne, autunno inverno 2012-2013

Moschino Cheap & Chic, AI 2012-2013