Scarpe, fashion e trend per Lui

Anteprima sui look per la primavera-estate 2010

In anticipo su quanto sfilerà ai piedi dei modelli della prossima edizione di Milano Moda Uomo e Pitti Uomo, e d’accordo con il sentimento di chi  desidera sapere almeno un anno prima cosa indossare sotto il sole della primavera-estate 2010, Luxgallery.it  svela le tendenze delle calzature per Lui e per Lei.

I trend individuati sono quelli emersi dalle ricerche di Aldo Premoli, coordinatore del Comitato Moda SMI, per ANCI (Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani). Uno studio mirato che intende individuare le linee guida delle collezioni di calzature  Uomo e Donna, e i cui esiti sono stati diffusi alla stampa in occasione della presentazione a Villa Necchi Campiglio di Milano delle due mostre di calzature “Micromuseum/5” e “Young Bravado!”.

Aldo Premoli ha offerto una carrellata di quanto non bisognerà farsi mancare nel guardaroba per la primavera-estate 2010.
Noi lo proponiamo in due fasi, in modo da individuare a colpo d’occhio che cosa “tentare” l’anno prossimo.

Ciò che indosserà Lui il prossimo anno sarà condizionato da tre differenti tipologie maschili, in realtà presenti allo stesso modo in ogni uomo, ma che emergono ora l’una ora l’altra a seconda della richiesta del consumatore e della sua esigenza di comodità.

– La forma urbana – per un tocco fashion che “c’è ma non si vede”.
Le modellature sono classiche ma reinterpretate con un mix polimaterico in cui si trovano il cuoio basso o i tessuti come rasi e tele, microtexture e inserti lucidi a contrasto. Forme morbide, punte piatte e allungate sono costruite su suole di cuoio o sintetiche. Il confort è il must: il mocassino sofisticato assomiglia alla pantofolina da smoking. Il piede dovrà essere curatissimo: le tomaie avranno accollature molto basse. Chic e pregiati i materiali, come la lucertola, l’anguilla e la razza. Nuovi gli accostamenti, a volte sbagliati solo in apparenza, come il blu con il marrone.

– Sostenibilità verde, ovvero, l’uomo etico attento alla natura.
Contraltare del look Vertical Garden per Lei. Come nel film “In to the wild”, l’uomo ha compreso il valore e la forza della natura. La rispetta e la vive in modo performante. Nei momenti più casual, ecco ai suoi piedi forme morbide e arrotondate, comode, con pellami supersoft stampati in rettile o dipinti a mano. Le geometrie e i frattali sono naturali, le suole sottili, i tacchi minimi. Nel mood anni ’80 tornano le espadrilla come sandali e mocassini radical-chic con nappe, vitelli, concia al vegetale, canapa, lino, e naturalmente materiale di riciclo come la carta o il propilene. Anche la pallette è quella vegetale: toni delle foglie, della pelle umana, gelsomini, tortora.

– Funzione & Design, ovvero, l’uomo intellettuale.
Per il Lui che finge di non seguire la moda, e sceglie in base alla funzionalità, la scarpa è minimal, sofisticata, sportiva. Quindi, forme ergonomiche, in apparenza solo funzionali ma comunque belle, colorate e dalle suole leggere, volutamente  dissonanti dai volumi abbondanti  delle tomaie. Stampe con effetti caleidoscopici, ma anche laminature, camoscio spalmato cangiante, intreccio, e a nappa tecnica effetto carta per colori metalizzati ispirati ai college inglesi.

Tre modi di intendere la moda, la giornata e il proprio look, ma comunque, fashion e performanti per vivere appieno la moda della prossima primavera-estate 2010.

Avatar

Written by Francesca

Art 40 Basel

Character Tag by Prada