Sanremo 2014, tutti i look

Vince Lucianina

Battendo il favorito della vigilia Francesco Renga, Arisa ha conquistato il suo primo Festival di Sanremo con la canzone “Controvento”.

La 64esima edizione della celebre kermesse non ha risparmiato colpi di scena e critiche, dovute principalmente alle scelte artistiche della coppia Fazio-Littizzetto, al calo di ascolti e alla poca innovazione rispetto allo scorso anno, ma anche momenti che rimarranno nella storia della musica e della televisione, come la prima volta di Ligabue sul palco dell’Ariston o la performance da brividi di Cat Stevens.

Oltre alla gara canora, però, come ben sappiamo, conduttori, vallette, ospiti e cantanti si sono dati del filo da torcere anche nella sfida fashion a colpi di abiti da gran soirèe e completi impeccabili.

Fabio Fazio è rimasto fedele a Costume National: per la seconda stagione consecutiva il padrone di casa del Festival ha sfoggiato outfit creati per lui in esclusiva da Ennio Capasa, che ha dichiarato di aver lavorato sul concetto di “innovazione e tradizione” riassumendo lo stile in “essenzialismo sartoriale reinterpretato con dettagli tecnologici”.
Le giacche sono dei tuxedo monopetto con rever a scialle in lana tecnica con pattern a costine dalla vestibilità slim sartoriale, i pantaloni  sono super slim fit a una tasca, anche le camicie sono slim fit da smoking con pettorina taglio laser e bottoni gioiello smaltati oppure con pettorina e abbottonatura nascosta, infine gilet classico con tre bottoni.

Total look Gucci per Luciana Littizzetto: perfetta sia con i mini dress super ricamati (con cristalli verde petrolio iridescenti, micro paillette oro, cristalli argento e neri, perline verde acqua e applicazione floreale sullo scollo) sia una tuta smoking in seta nera con revers in raso.
Spazio anche a lunghi vestiti in chiffon o verde smeraldo o di seta tartan bordeaux sempre con piccola cintura nera in vita, fino all’ultimo cambio, un abito lungo in tulle nero, con inserto in rete, interamente ricamato con piume e maxi paillettes verdi e bronzo.

Laetitia Casta, ospite d’onore della prima serata, ha indossato tre outfit sensuali delle collezioni di archivio di Givenchy Haute Couture by Riccardo Tisci, tra cui  una gonna lunga in chiffon di seta bianca sospesa da una catena in metallo e ricamata con micro paillettes trasparenti e frange di cristalli, indossata con un corsetto in raso di seta realizzato appositamente per lei, guanti in nappa e sandali color cipria.

Tra i look promossi, Arisa in Jil Sander e sexy decollete Casadei, e gli artisti alla corte di Cavalli: Giusy Ferreri (bocciate però le scarpe dal maxi plateau), Francesco Renga e Francesco Sarcina.

Approvata anche l’eleganza moderna di Corneliani per Raphael Gualazzi, che per la finalissima ha scelto uno smoking con revers in pelle nera e calze fucsia.

Rimandata a settembre Noemi che ha indossato sempre abiti scenografici griffati Gattinoni Couture ma mai adeguati alla sua fisicità e soprattutto non in sintonia con la sua chioma ardita e con i gioielli futuristici pensati e creati, in esclusiva per la cantante di X Factor da Gianni De Benedittis, jewel designer del brand futuroRemoto.

Splendida Kasia Smutniak con una creazione Fendi e l’anello San Lorenzo e il bracciale della collezione Macramè entrambi in oro bianco e diamanti di  Damiani.

Dal versante maschile, particolarmente apprezzato Marco Bocci, che ha indossato un abito nero con camicia bianca e cravatta, della collezione Emporio Armani.

Hanno scelto creazioni di Re Giorgio anche Claudia Cardinale, con una blusa in chiffon di seta nera con maniche a kimono e motivi jacquard con disegni cravatteria sui polsi, su un abito in cadis nero con scollo ricamato della collezione Privé, Maurizio Crozza con un abito scuro e Giorgia Surina, membro della Giuria di Qualità.

Nella gallery anche Frankie Hi-ngr in Emiliano Rinaldi, Rufus Wainwright in Viktor&Rolf Monsieur, Raffaella Carrà in John Richmond, Cristiana Capotondi e Violante Placido in Dolce&Gabbana e Tania Cagnotto in Blumarine!

Written by Monica

Yoox entra in Altagamma

Salone di Ginevra 2014