Samanta Bullock e la disabilità: una collezione moda veramente inclusiva

La grande crescita della sensibilità pubblica circa il tema della diversità ha spinto artisti, designer, stilisti e aziende a realizzare collezioni incentrate sull’inclusione. La moda inclusiva sta facendo discutere, chi la vede come esigenza, chi la vede come utopia, dal nuovo concetto di bellezza capeggiato da Rihanna alla campagna curvy di Vogue, il fashion system è intenzionato a valorizzare ciò che si discosta dai canoni fantascientifici propinati finora. In questo panorama rivoluzionario e ambizioso anche Samanta Bullock fa sentire la propria voce ideando un nuovo brand d’abbigliamento per persone disabili. Lei, costretta su una sedia a rotelle dall’età di 14 anni è una super modella innamorata della vita e della moda.

View this post on Instagram

Go Girl, Go!! 👊🏼

A post shared by Samanta Bullock (@samantabullock) on

Samanta Bullock: quando la vita di trasforma ma non ti annienta

Con un background nella moda, Samanta Bullock dedica la propria vita a esplorare il tema della moda inclusiva. Sostiene la necessità di condurre una vita sana, senza stravizi, cercando di condividere le proprie esperienze di vita, anche traumatiche, con un pubblico molto vasto sperando che il messaggio arrivi forte e chiaro. La vita di Samanta è cambiata drasticamente all’età di 14 anni, quando un colpo di pistola inferto accidentalmente dal padre l’ha costretta ad una vita su una sedia a rotelle. Classe 1978, modella anglo-brasiliana, Samanta Bullock non ha mai rinunciato ad una vita normale.

Sono la prova vivente che una sedia a rotelle non deve essere un ostacolo al raggiungimento di nessuno dei miei obiettivi”, dice e l’entusiasmo e l’intraprendenza che dimostra nell’atteggiamento mentale si riversano anche nei traguardi quotidiani. Samanta ha infatti partecipato a molte fashion week come quella di Londra e Dubai, oltre a molteplici sfilate in Portogallo, Brasile, Spagna e Turchia. Oggi si scopre stilista entusiasta di rendere la moda un concetto davvero inclusivo.

View this post on Instagram

I am so happy to announce the SB Shop is almost here. We want to make it perfect, looking after every single detail to make it amazing, and when I say we, I must say a team of 8 different designers that are working so hard to bring these special & stunning collections to you. As you can see you have a lot to look forward to. In this picture I am wearing @gunda_hafner_ltd Check her clothes out. 15/06 is coming!!!! The Press release is in my bio, so you can take a look and share with the ones you think would benefit from it. Please let me know your thoughts. Love Sam Pict by @piotropacki http://samantabullock.com/2019/03/27/launch-of-samanta-bullocks-clothing-line-sb #disability #wheelchairmodel #samantabullock #sustainableclothes #organic #fashionforall #inclusivefashion

A post shared by Samanta Bullock (@samantabullock) on

Se ci sono delle modelle disabili in passerella – aveva preannunciato Samanta un anno fa – è importante anche che gli stilisti pensino alla vita delle persone con difficoltà motorie. Una donna per essere sicura di sé deve potersi sentire comoda e bella nei suoi abiti e nella sua vita quotidiana, a prescindere dall’uso di una sedia a rotelle”. 

Samanta è da sempre ambassador di aziende che gestiscono progetti per la creazione di sedie a rotelle funzionali e pratiche; oggi ha deciso di esplorare il settore dell’abbigliamento attraverso l’ideazione di capi pratici, adattabili, sostenibili ma, soprattutto, inclusivi. Dal 15 giugno 2019 sarà in vendita la collezione del nuovo marchio della modella che comprenderà pezzi di women and manswear pensati per esigenze specifiche come, ad esempio, quella di affrontare molte ore seduti.

https://www.instagram.com/p/Bvo8lzphjUv/

Diversi gli stilisti emergenti come Rua Luja, London Organic, Bekoffee, Caroline, Gunda Hafner, Peter Twiss, Contessina London e Amaelia hanno deciso di supportare Samanta nel proprio progetto. Questo è un segnale forte che la moda oggi vuole lanciare, valorizzare il corpo di ogni donna e ogni uomo è il compito di ogni stilista.

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

Chiara Ferragni e Carrie Bradshaw chic in t-shirt Dior

Chiara Ferragni cita Carrie Bradshaw: entrambe chic in t-shirt Dior

cindy crawford home

Arredare casa con i consigli di Cindy Crawford? Il lusso dentro casa nostra