Salone Nautico di Genova: la crescita della nautica italiana

Convegni ed incontri metteranno in luce il successo delle aziende italiane costruttrici di superyacht e della nautica italiana nel suo complesso

Il Salone Nautico Internazionale di Genova che si svolgerà dal 6 al 14 ottobre 2007, ha in programma una serie di conferenze ed eventi che mettono in luce, tra l’altro, la crescita della produzione italiana di imbarcazioni di unità da diporto.

I superyacht
In particolare, per ciò che concerne il settore dei superyacht – sulla base di uno studio pubblicato dalla rivista Showboats International – l’andamento degli ordini 2006-2007, fa registrare una notevole crescita del numero delle ordinazioni. A livello mondiale si è, infatti, passati da 688 commesse per il 2006 a 777 per il 2007.

La presenza italiana sul mercato mondiale si attesta attorno a 45% e tra i primi dieci costruttori mondiali cinque sono italiani. Le aziende di casa nostra sono, inoltre, le prime al mondo per numero di progetti in costruzione con 347 ordini, per una produzione che si concentra soprattutto sulle imbarcazioni tra 90 e 120, con una lunghezza media di 113 piedi (circa 34 metri). La crescita del settore dei superyacht sarà l’argomento di uno dei convegni istituzionali di UCINA.

La nautica italiana
Inoltre, verranno presentati lunedì 8 ottobre i risultati delle statistiche de “La nautica in cifre”, nate dalla collaborazione tra UCINA e l’Università degli Studi di Genova – Dipartimento di Economia e Metodi Quantitativi, che evidenziano il successo della nautica italiana in generale.

Infatti, per l’anno 2006 il valore della produzione italiana delle imbarcazioni di unità da diporto si stima sia cresciuto con un valore percentuale del 15%, attestandosi intorno ai 3,5 miliardi di euro, mentre il fatturato globale della nautica da diporto (nei tre comparti, imbarcazioni, accessori e motori) per il 2006 supera i 5 miliardi di Euro.

L’Italia si riconferma buona esportatrice, vendendo all’estero oltre il 50% del valore della produzione. Sulla base dei dati ISTAT sul commercio estero si può sottolineare che il 48% delle esportazioni è diretto verso l’Europa, compresi i nuovi paesi entrati nel corso dello scorso anno.

In crescita anche il leasing nautico, che grazie al suo successo viene scelto anche da compratori stranieri: sulla base dei dati forniti da ASSILEA, nel 2006 le operazioni concluse hanno raggiunto il valore, in termini assoluti di 2.096 milioni di Euro (1.568 milioni di Euro nel 2005), che in termini percentuali rappresentano un aumento del 33,6% rispetto all’anno precedente, mentre il numero di contratti stipulati nel 2006 sono stati 4157 con una crescita del 22%.

Infine, per quanto riguarda il livello occupazionale, nel 2006 numero complessivo degli addetti diretti della nautica sono stimabili in oltre 20.000 unità.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

David Lynch in mostra a Milano

L’alta orologeria a Roma