Salone del Mobile: illumina il weekend

Cinque novità da non perdere

Ecco cinque aziende scelte da Luxgallery per voi a Euroluce 2009.
Fra le tantissime e affascinanti proposte che animano i giorni della 48° edizione del Salone del Mobile, ci sono alcune novità di imprese che hanno fatto della creatività e del made in Italy gli elementi chiave per affrontare a testa alta la tanto temuta crisi.

Iniziamo con Lumina, l’azienda lombarda dal mood internazionale, che a Euroluce propone una serie di lampade ideali per ogni ambiente.
Matrix, dotata di un particolare estro funzionale e di originalità costruttiva personalizzabile, sia a seconda del tipo di lampadine utilizzate, sia grazie al suo sistema di movimento modulare, con un semplice spostamento dei bracci.
Flip porta la luce dove e quando serve: la lampada, infatti, è munita di un braccio telescopico e di un rosone a sfera che le permette di ruotare a 360°, per arrivare davvero ovunque. Ideale in cucina, Flip è in grado di “seguire” un tavolo da pranzo, qualora vi sia la necessità di spostarlo, indipendentemente dal vincolo del punto luce.
Per ambienti grandi e dalla personalità unica, Lumina lancia Perla, una sfera luminosa in vetro soffiato, munita di due punti di ancoraggio contrapposti, disponibile in due differenti dimensioni, ideale per creare innumerevoli configurazioni luminose.

Novità anche in casa Axo Light, che al Salone del Mobile 2009  ha deciso di sottolineare e rinforzare ulteriormente la sua vocazione per i progetti di architettura proponendo una nuova linea che, sebbene perfettamente utilizzabile in ambito domestico, è stata espressamente studiata per rispondere alle diverse esigenze dei progettisti di interni, soprattutto di grandi dimensioni.
Con Lightecture Axo porta a Euroluce ben sei collezioni, Alumax, Bell, Damasco, Skin, Skirt, Velvet per un totale di più di 1200 modelli tra tipologie, colori e sorgenti luminose, oltre alla possibilità di effettuare modifiche su richiesta.
Accanto a questa maxi collezione, ne troviamo altre due della linea Design, Modulo e X-Sight, e l’ampliamento di Muse, che viene proposta in ulteriori misure e colori.

La home collection di Fendi per quest’anno si rinnova proponendo una linea dedicata all’illuminazione. Per la Divisione Luce, la maison romana propone lampade e lampadari dal design elegante e sofisticato. Una serie di veri e propri complementi d’arredo studiati per divenire i protagonisti dell’ambiente, ridefinendo gli spazi e gli oggetti tra cromatismi e trasparenze.
La collezione si articola in diverse tipologie di lampade in vetro soffiato di murano dai colori delicati e cristalli sfaccettati e brillanti.
A rendere ancora più preziosa la collezione Fendi non mancano Swarovski bianchi o neri, montati in serie, a riflettere la luce in un magico gioco di contrasti, fino alle lampade-scultura della serie Icelite che rievocano le trasparenze del ghiaccio.

La divisione Consumer Luminaires di Philips presenta a Euroluce la sua seconda ondata di rivoluzioni nell’illuminazione allo stato solido: i dispositivi intuitivi a OLED, specchi in grado di reagire ai gesti umani e trasformarsi in sculture di luce uniforme, perfetti per ogni punto luce della casa (per una dimostrazione è disponibile il sito: www.lumiblade.com); una gamma di accessori funzionali con LED integrati; la collezione LivingColors Mini, sempre al LED; la seconda generazione di soluzioni a risparmio energetico EcoMoods;  e la straordinaria nuova serie Ledino, complemento per esterni dell’interior design.

Dieci designer di fama internazionale hanno collaborato con Flos per la realizzazione della collezione 2009 indoor e outdoor.
Quattordici oggetti unici firmati da Antonio Citterio, Edward Barber & Jay Osegerby, Paul Cocksedge, Tim Derhaag, Rodolfo Dordoni, Ron Gilad, Jasper Morrison, Philippe Starck, Patricia Urquiola e Marcel Wanders.
Apparecchi di illuminazione che raccontano l’eccellenza, lo stile e l’innovazione secondo alcune delle più autorevoli firme del design mondiale, creando una collezione imperdibile capace di impreziosire con leggerezza e dinamicità location magiche.

Avatar

Scritto da Francesca

Lascia un commento

L’atelier degli Oscar

Sulle onde con Ferrari