Salone del Mobile 2008: i forni Miele

I nuovi prodotti Miele con cottura con aggiunta di vapore promettono risultati da professionisti
Miele è stata presente a Eurocucina 2008 con una nuova serie di forni, Generazione 5000, con due principi rivoluzionari: la cottura con risultati professionali e una superficie che rende superfluo l’uso del detersivo per la pulizia.

Ciò che colpisce immediatamente dei nuovi forni da 60 cm è l’ampiezza del vano forno e la superficie esterna in acciaio nuova, in CleanSteel, insensibile a segni e impronte. Per pulirlo basta un panno umido, senza bisogno di detergenti o altri prodotti.

I forni sono disponibili con diverse dotazioni.
L’azienda ha sviluppato delle modalità di cottura innovative che permettono di ottenere risultati eccellenti praticamente con ogni tipo di pietanza. Una di queste è la cottura con vapore, di serie su tutti i modelli della classe top. Significa che durante la cottura viene immesso vapore nel vano forno per aumentare l’umidità. Chi cucina non deve fare altro che far aspirare al forno l’acqua attraverso un tubicino integrato e visibile a sportello aperto e scegliere “Cottura con vapore”. A tutto il resto pensa il forno, che aspira la quantità di acqua che gli serve e provvede poi automaticamente a generare il vapore e a immetterlo al momento giusto nel vano cottura.
I forni Miele hanno diversi programmi automatici a disposizione per cuocere a basse temperature. Il merito è di Autosensor, un sensore che riconosce il grado di cottura delle pietanze.

Gli apparecchi funzionano perfettamente anche in modalità “manuali”, ovvero lasciando allo chef la scelta di modalità di tempi e di cottura. E’ possibile infatti scegliere addirittura tra 12 modalità di cottura differenti. Naturalmente non poteva mancare il catalizzatore, che trattiene le fumane cariche di grassi evitando che si depositino in cucina.
E poi si può scegliere tra modelli con rivestimento del vano forno in PerfectClean o tra modelli con la pirolisi. PerfectClean è uno speciale affinamento delle superfici che le rende particolarmente antiaderenti e facili da pulire. La pirolisi invece è un procedimento di autopulizia che prevede di aumentare la temperatura all’interno del vano forno fino a incenerire eventuali residui. Nei modelli top di gamma la pirolisi è addirittura gestita da sensori, ovvero termina quando non si rileva più alcuna traccia di sporco nel vano, con un notevole risparmio di energia elettrica.

I forni con il display Plus si distinguono dai modelli top che hanno il display Touch anche per la logica dei comandi, che si avvale di manopole. Ruotando le manopole si sceglie la modalità di cottura e la temperatura. Un chiaro display fornisce tutte le informazioni che servono sul programma o offre una serie di programmi automatici pre-impostati. Sono a disposizione 11 modalità di cottura, tra cui la cottura con vapore (a seconda del modello), la cottura delicata a basse temperature e oltre 50 programmi automatici.
Un’altra funzione è la riduzione automatica (guidata dall’elettronica) dell’umidità all’interno del vano forno, prevista sia nei programmi automatici, sia nell’uso manuale del forno. Tra le dotazioni di questa classe rientrano il catalizzatore AirClean e la sonda termometrica con indicazione del tempo residuo. Si può scegliere tra rivestimento vano forno in PerfectClean o procedimento pirolitico.
Chi volesse rinunciare ai programmi automatici, ha comunque a disposizione un valido supporto da parte dell’elettronica. Tutti i forni della generazione 5000, infatti, sono dotati di un comando elettronico che, a differenza di qualsiasi comando meccanico, offre indiscussi vantaggi, in primis quello di raggiungere la temperatura impostata e di mantenerla nel corso del procedimento senza il minimo scostamento. Per ognuna delle otto modalità di cottura presenti, l’elettronica propone la temperatura più usata, che ovviamente può essere modificata. L’orologio elettronico permette poi di programmare i processi. Anche in questo caso si può scegliere tra modelli con vano forno rivestito in PerfectClean e modelli con procedimento pirolitico.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Inaugurato il nuovo DesignCafé alla Triennale di Milano

Settimana del Design: Lexus d’artista