Salone del Mobile 2008: gli eventi

Commistione di linguaggi per L’Ultima cena di Leonardo di Peter Greenaway e Segno Arte Uffici di Michelangelo PistolettoNon possono mancare durante Il Salone del Mobile di Milano grandi eventi che uniscono il mondo del design a quello dell’arte.

Ecco l’omaggio di Cosmit alla città con un evento di calibro internazionale secondo la propria filosofia di coniugare business e cultura. Si tratta di una visione sorprendente dell’Ultima Cena di Leonardo ideata da Peter Greenaway, un evento multimediale in una commistione di linguaggi che comprendono arte, cinema, poesia, musica e la più moderna tecnologia.

Grazie a una particolare combinazione di tecnologia digitale e di abilità artigianale, sarà realizzata per la prima volta una copia perfetta del dipinto leonardesco, un vero e proprio ‘clone’ con le stesse dimensioni e soprattutto con le stesse caratteristiche di matericità dell’originale, che sarà visibile nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale fino al 4 maggio.

Questo lavoro prenderà vita sotto gli occhi dei visitatori grazie a proiezioni di immagini e luce che sembreranno scaturire dall’opera stessa, accompagnate da una colonna sonora di voci, musiche e suoni.

Il progetto si avvale delle più avanzate tecnologie applicate all’arte, grazie a un team internazionale di collaboratori coordinato da Change Performing Arts.

Un altro famoso artista, Michelangelo Pistoletto, firma una grande installazione per il SaloneUfficio, la Biennale Internazionale dell’Ambiente del Lavoro, che quest’anno propone quale macrotema trasversale quello di “Ufficio Fabbrica Creativa”. Sede prescelta la Loggia dei Mercanti, epicentro della vita commerciale della Milano medievale, luogo quindi per eccellenza dedicato al Lavoro.

L’opera, consistente in una grande installazione, è allo stesso tempo un lavoro e un sogno verso cui l’umanità è chiamata oggi a realizzare un progetto di sopravvivenza che fa appello alla più grande creatività e responsabilità di ogni persona e allo stesso tempo delle diverse civiltà insieme.
L’installazione-evento intitolata “Segno Arte Uffici” ripropone in modo emblematico la struttura cellulare e le attività degli Uffici. Cittadellarte è, infatti, una fabbrica creativa articolata in una struttura organica cellulare composta da unità operative denominate “Uffici”; ciascuno di essi porta l’arte a interagire con un diverso settore della vita sociale per un passaggio evolutivo nel segno della responsabilità e della sostenibilità.

Il progetto si annuncia attraverso otto stanze modulari ciascuna dedicata a un ufficio emblematico della struttura civile. Percorribili a doppio senso, i moduli accolgono al loro interno diverse tipologie di arredo accomunate qui da un disegno particolare, ideato sulla forma del corpo umano nella sua massima estensione, simbolo di una nuova classicità.

Su questi arredi, attraverso le loro superfici specchianti, si riflettono le varie immagini relative agli Uffici di Cittadellarte, ovvero le sezioni operative che formano l’organizzazione della fondazione, ciascuna dedicata all’interazione tra la creatività responsabile dell’arte e una diversa area del tessuto socio-economico-politico-culturale. Il visitatore è invitato a prendere parte attiva producendo personalmente l’energia necessaria a far apparire le immagini attraverso gli specchi che costituiscono i piani dei mobili d’ufficio esposti. L’autoproduzione di energia elettrica diviene simbolo di ecosostenibilità applicata agli Uffici della “fabbrica creativa” del terzo millennio.

Al centro delle strutture modulari “Segno Arte” è realizzato un Grande Cubo specchiante – “Luogo della riflessione e meditazione”- che pone la spiritualità dell’arte al centro di Segno Arte Uffici. La parte esterna del cubo è in acciaio corten con il simbolo delle 4 religioni monoteiste (ebraica, cristiana, mussulmana e buddista) riportato sulle 4 facce perimetrali.
All’interno lo spettatore è proiettato verso l’infinito e trova esposto il Metrocubo di Infinito (1966), opera storica di Pistoletto, che fa pensare alla Pietra Nera della Mecca, al Muro del pianto di Gerusalemme o al parallelepipedo di 2001 Odissea nello spazio, con in più la possibilità di una penetrazione mentale oggettivamente (scientificamente) verificata nell’esperienza della stanza specchiante.

Dedicato all’ufficio in quanto luogo fisico e virtuale di cooperazione, di ricerca, di elaborazione e scambio di informazioni, dove vivono strutture organizzative sociali composte da persone che si parlano, si vedono, interagiscono, anche Designing Designers giunto alla nona edizione, che si terrà sabato 19 aprile 2008.
Per finire, il 17 aprile si tiene il Seminario IFMA Italia, il capitolo italiano di International Facility Management Association.

Appuntamenti ai Saloni 2008
L’Ultima Cena di Leonardo
dal 16 aprile al 4 maggio 
Milano, Palazzo Reale, Sala delle Cariatidi
da lunedì a domenica, chiuso il giovedì (tranne il 17 aprile)
ogni venti minuti dalle 20.00 alle 23.00
primo ingresso 19.45

Segno Arte Uffici
Evento di Michelangelo Pistoletto & Cittadellarte per Salone Ufficio.2008 Ufficio Fabbrica Creativa
dal 16 al 21 aprile
Milano, Loggia dei Mercanti
dalle 11.00 alle 22.00, ingresso libero

Seminario IFMA Italia, il capitolo italiano di International Facility Management Association
giovedì 17 aprile
Centro Congressi, Sala Aquarius
Fiera Milano, Rho 
Designing Designers
Uffici e spazi di lavoro per i lavoratori della conoscenza
9ª edizione
Sabato 19 aprile, dalle 10.00 alle 17.30
Centro Congressi, Sala Sagittarius
Fiera Milano, Rho

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Fuori Salone 2008: uno yacht sui Navigli

Settimana del design 2008: la God Chair di Gattinoni