Luxgallery > Beauty > Cura del corpo > Capelli > Rossa o bionda? A spopolare è la Pink mania, ce lo dicono celebrity più belle

Rossa o bionda? A spopolare è la Pink mania, ce lo dicono celebrity più belle

Rosso o biondo? Arriva il rosa che mette tutte d’accordo, dalle nuance cabernet a quelle biondo Svezia in mezzo c’è un’intera scala di pink. Seguiamo l’esempio delle Star

L’eterna battaglia tra bionde e rosse tiene ancora fermamente banco tra le donne di tutto il mondo. Questo 2019 ci regalerà qualche gioia sul punto, se non altro in termini di mediazione: il color fragola e (per le più audaci) il rosa bubble gum sta decisamente spopolando in testa alle celeb più seguite di Instagram e noi non possiamo che prendere spunto.

Il rosa sembra essere un vero must quest’anno: Pantone decreta il Livin Coral come colore del 2019, Star come la nuova signora Bieber o Blacke Lively sfoggiano chiome soft pink fino al vero e proprio rosa shocking ostentato – e ammettiamolo, davvero bene – da Georgia May Jagger. Insomma il rosa sta decisamente diventando una Stella polare in termini di tendenze di “nuance da chioma”. Resistere alla tentazione di tingere anche i nostri capelli è davvero difficile ma la notizia buona è che la soluzione c’è, basta saper scegliere come farlo in base alle varianti più comuni: lunghezza, colore del capello, fototipo, tipo di taglio e fascia d’età.

C’è rosa e rosa, come tutto nella vita. Se siete intenzionate a fare il grande passo e a dare un tocco di carattere ai vostri capelli non c’è da preoccuparsi basta sapersi giostrare tra le tantissime possibilità. Hairstylist, celebrity e stilisti si stanno facendo guidare da un unico fil rouge a quanto pare: le diverse sfumature del rosa, dal rosso cabernet al rosa chewing gum. Innanzitutto, differenziamo tra rose brown e rose gold. La tipologia di capello sul quale si va ad intervenire è fondamentale. Per poter applicare una tinta color rosa sarà necessario decolorare il capello; questo oggi viene fatto con tecniche molto più all’avanguardia rispetto qualche anno fa quando mani poco esperte potevano arrivare a bruciare letteralmente il capello.

Oggi no, tra cheratina e decolorazioni più naturali possibili il rischio di rovinare i capelli e arrivare poi al temutissimo “taglio salva lunghezze” è remoto, ma non impossibile. Affidarsi alle mani del proprio parrucchiere di fiducia sarà la prima mossa da fare quindi. Il capello scuro subirà un’aggressione maggiore ma non per questo le scure dovranno rinunciare. Il trucco in questo caso è creare un vero e proprio gioco di colori per impreziosire la chioma senza appesantire le radici.

Foto Pinterest

Decolorato il capello si potrà passare alla colorazione rosa: più la distribuzione del colore sarà eterogenea e più l’effetto sarà soddisfacente. Le bionde invece possono giocare un po’ di più riempiendo le chiome anche fino alla radice ma un trucco resta comunque valido: evitare di appesantire eccessivamente la chioma –  Blake Lively docet – aiuterà a rendere l’effetto il più naturale possibile e potrebbe essere l’occasione giusta per stancarsi meno del colore.

Blake Lively

Altra variabile da considerare è sicuramente il colore dell’incarnato. Le bellezze dal fototipo 1 o 2 possono sbizzarrirsi con colori pastello (e non vale solo per il rosa ma anche azzurro e verde), mentre chi ha un incarnato più scuro dovrebbe evitare nuance troppo chiare. La bella notizia è che queste ultime possono permettersi il difficilissimo rosa Bubble Gum. In questo Georgia May Jagger è l’ambasciatrice per eccellenza: la sua predilezione per il rosa shocking ha smosso i cuori di molti e noi prendiamo diligentemente nota.

View this post on Instagram

Staying cosy in my @volcomwomens stone tracksuit

A post shared by Georgia May Jagger (@georgiamayjagger) on

Infine taglio e fascia d’età. Sul taglio basti dire che chi porta un long bob può permettersi di immergere letteralmente la testa dentro il colore creando un pink più pieno rispetto a chi ha un taglio lungo. In questo la fa da padrona la neo signora Bieber, Hailey che ci ha abituati a vederla transitare dal biondo al rosa con totale nonchalance.

View this post on Instagram

golden hours

A post shared by Hailey Rhode Bieber (@haileybieber) on

I tagli lunghi sarebbe meglio optassero per schiarire le sole punte così da evitare un effetto davvero troppo pesante. L’età: una cosa ci piace moltissimo, il rosa è adatto ad ogni donna, dalla ventenne alla cinquantenne, l’importante, anche qui, è avere alcuni accorgimenti furbi. A vent’anni sarà concesso osare molto di più, magari auspicando un vero e proprio effetto monocromatico; a trent’anni, nel pieno dell’età fiorente di una donna dove serietà e audacia devono convivere h24 si potrà optare per tingere le sole punte, stando attente a giocare con il colore lontano dal viso. Infine dai 40 in su sarà saggio e di grandissima classe scegliere una soluzione meno strong scegliendo di tingere solo qualche ciocca per rendere il tutto estremamente prezioso.

Il sogno di avere capelli perfetti: lo shampoo extra volume e lucentezza adatto a noi