Rome Cavalieri, il cinque stelle dell’arte

Intervista a Serge Ethuin, direttore dell’hotel 

Quando il lusso è sinonimo di unicità allora non si può non parlare del Rome Cavalieri. L’hotel fa parte del prestigioso brand The Waldorf Astoria Collection e dal 1964, è uno dei più rinomati Cinque Stelle Lusso di Roma.

Ma quello che distingue il Rome Cavalieri nel panorama mondiale dell’hotellerie è che l’ospite vive il suo soggiorno all’interno della più prestigiosa collezione d’arte del mondo presente in una struttura alberghiera costituita da pregiati mobili d’epoca, arazzi e sculture ma il fiore all’occhiello di questa collezione privata, sono le tre grandiose tele di Gianbattista Tiepolo che accolgono l’ospite nella hall.

Non mancano le opere degli artisti moderni quali Andy Warhol, Robert Indiana, Mario Schifano, Renato Guttuso o Enrico Baj mentre in teche poste in prossimità di antichi mobili russi sono conservati i costumi di scena delle più importanti rappresentazioni di Rudolf Nureyev.

“Noi
– spiega Serge Ethuin, direttore dell’hotel – non ci limitiamo a vendere camere, bensì noi vendiamo emozioni. Perché è un lusso unico poter avere a disposizione una collezione d’arte unica ed è impagabile poterla vivere e toccare nelle camere, nei corridoi, nelle zone comuni”.

Ma il Rome Cavalieri non è solo cultura, infatti sulla terrazza all’ultimo piano c’è il ristorante “La Pergola” considerato dagli esperti (3 stelle dalla guida Michelin) il migliore dei ristoranti della Capitale, regno del celebre Heinz Beck, chef di fama internazionale. Dalla terrazza al giardino con “L’Uliveto”, il ristorante che si affaccia sul parco, in prossimità della piscina, con menu di cucina mediterranea e internazionale.

Il benessere, lo sport e i trattamenti estetici sono assicurati dal Cavalieri Grand Spa Club, la più lussuosa e ampia Spa in Italia, 2200 mq dedicati alla “cura del sé”. Senza tralasciare le piscine, esterne (riscaldate) e interne, i campi da tennis, la parete per il free climbing e le percorrenze nel verde del parco di 6mila metri quadrati.

Da dove provengono i vostri clienti?
Da tutto il mondo. Prevalentemente da Italia, Usa, Regno Unito, Germania, Francia. Per i prodotti di alto livello gli ospiti arrivano maggiormente da Russia, Medio Oriente, Argentina e Brasile. Stiamo vedendo un interesse iniziale anche da parte dei viaggiatori cinesi.

Voi vantate strutture dedicate ai convegni e ai congressi fra le più grandi e moderne in Europa, come si compone la vostra clientela?
Le percentuali variano in base alla stagione. Se vogliamo dare un dato annuale posso dire che il 35% dei nostri ospiti è di natura convegnistica. Il restante 65% sono turisti che decidono di passare da noi prevalentemente un “week end lungo”, ovvero circa 4 giorni. Abbiamo poi una clientela d’elite (fra i clienti del Rome Cavalieri anche George Clooney con Elisabetta Canalis e Julia Roberts ndr) che sceglie le suite Penthouse e Planetarium, particolarmente sontuose per arredo e uniche per le splendide terrazze. In tutto l’albergo e nei parchi abbiamo un servizio di security molto attento e discreto che, insieme alle quattro entrate, fanno del nostro hotel una scelta privilegiata per tutte quelle persone che vogliono godersi qualche giorno di tranquillità.

Quali sono i numeri che descrivono il business del Rome Cavalieri?
Qui lavorano 500 dipendenti per 370 camere e generiamo un fatturato di oltre 50milioni di euro.

Alessandra Iannello

Written by Chiara

In Florida, il Salvador Dalì Museum

Limited edition in coccodrillo by Prada