Rolex: un’asta, un evento

La collezione Blei venduta a Milano

Come era stato ampiamente previsto, l’asta dei Rolex della collezione di Davide Blei tenutasi domenica 22 marzo a Milano e curata dalla Patrizzi & Co. è stata un evento. Dei 114 lotti battuti da Osvaldo Patrizzi in persona, solo 2 non sono stati assegnati; non certo per mancanza di compratori, ma perché qualcuno, nonostante i rigidi controlli, ha inserito nel sistema via web due offerte inverosimili, abbiamo poi annullate.

I 112 lotti assegnati hanno confermato che, in un periodo di così profonda crisi economica, l’orologio continua a rimanere un bene e un investimento stabile e apprezzato, capace di suscitare ogni volta grandi entusiasmi. Lo ha dimostrato il fatto che la sala d’aste è stata gremita da quasi 200 persone che hanno seguito la vendita fino alla fine.

Oltre ai compratori in sala, più di 100 persone sono state connesse online, tanto per comprare quanto per seguire l’asta. In tanti, poi, hanno partecipato al telefono da tutto il mondo o inviato offerte scritte fino a pochi minuti prima dell’asta.

Top Lot sono stati gli Oyster Perpetual Officially Certified Chronometer: uno realizzato nel 1953 è stato venduto a 197mila euro, uno del 1951 a 150mila, un terzo, sempre del 1953, a 130mila. Il risultato totale della vendita è stato pari a 2.736.400 euro, per il 109% del valore totale della collezione.

Written by Francesca

Chalet Dolce Vita Boutique Hotel & Spa

Artisan Jewelry, il lusso del cristallo