Richard Mille: pezzi unici tricolore

Rattrapanti tourbillon

I grandi successi, anche in orologeria, nascono prima di tutto dalle persone. E’ così che dietro ogni segnatempo, specie se importante, ci sono sempre un’anima, una mente, delle persone assolutamente insostituibili.

Richard Mille è indiscutibilmente uno dei successi del nuovo millennio. I suoi non sono solamente degli orologi importanti e complessi, ma sono prima di tutto i naturali iniziatori di un nuovo stile tecnologico, dove a una scelta di materiali ad altissima tecnologia, si uniscono un approccio rivoluzionario alla funzione stessa dell’orologio e un design completamente nuovo, che ha fatto proseliti a tutti i livelli della produzione odierna.

Oggi, a dieci anni dalla creazione del marchio, ma anche a dieci anni dall’inizio del sodalizio con il distributore italiano DHM, guidato dall’estro e dall’esperienza di Franco Armentano, Richard Mille dedica, in esclusiva per il nostro mercato, due importanti pezzi unici del sofisticatissimo RM008, uno con cassa in oro bianco e uno in titanio. Il primo si riconosce per il rehaut completamente blu, mentre il secondo ha il rehaut superiormente giallo e inferiormente verde.

Per gli appassionati e i cultori ricordiamo che l’RM008 è un tourbillon rattrapante il cui movimento meccanico a carica manuale è caratterizzato dalla platina in nanofibra di carbonio. Inoltre il meccanismo del rattrappante è ulteriormente ottimizzato con l’eliminazione quasi totale del salto alla partenza della lancetta del cronografo, realizzando così uno strumento di cronometraggio dall’affidabilità e dalla precisione ineccepibili.

Leggere e importanti al tempo stesso, le casse della Richard Mille, totalmente ergonomiche, identiche nella lavorazioni ma diverse nel materiale di base,  si adattano, grazie all’eccezionale resistenza del loro meccanismo, anche agli utilizzi sportivi più intensivi.

Ultima e ovvia considerazione: il fatto che si tratti di due pezzi unici stimolerà certamente le brame e le fantasie di più di un collezionista, quindi si prevede una permanenza “in libertà” straordinariamente breve. Ma questo è il destino di tutti i pezzi top dell’orologeria di tutti i tempi, Richard Mille incluso.

Paolo Gobbi

Avatar

Written by Redazione

Asta per il Tibet

Aztec, lusso in stile Art Deco