Richard Ginori apre a Firenze

La boutique della settimana

Richard Ginori non poteva che ripartire da Firenze.

La storica maison di porcellane di lusso rilevata da Gucci a marzo 2013 dopo l’istanza di fallimento, ha riaperto lo storico negozio in Via de’ Rondinelli nel cuore della metropoli toscana.

Il brand, espressione dell’ eccellenza del made in Italy nel mondo, ha scelto l’86esima edizione di Pitti Uomo per il tanto atteso opening dello spazio di 500mq completamente ristrutturato.

La nuova casa Richard Ginori e si trova nell’antico edificio, Palazzo Ginori, situato nel quartiere dei Tornabuoni, pietra miliare nella tradizione del marchio, che risale al 1802, quando la Manifattura Ginori aprì per la prima volta il punto vendita a Firenze.

Con la riapertura del flagship store viene restituito a Firenze un luogo storico della sua tradizione e si compie un ulteriore passo in avanti nel piano di rilancio intrapreso più di un anno fa per Richard Ginori, prestigioso marchio, sinonimo da sempre di artigianalità e Made in Italy, ha detto KarlHeinz Hofer, Consigliere di GRG e WorldWide Operations & Supply Chain Director di Gucci.

Nella nuova casa Richard Ginori si respira un’atmosfera elegante dove tradizione e contemporaneità coesistono; un luogo dove si potranno ammirare i prodotti unici, frutto dell’impegno e della passione per la qualità. Sono certo inoltre che la posizione di prestigio dello storico negozio, nel cuore di una città che accoglie un pubblico proveniente da tutto il mondo, permetterà alla Manifattura di Doccia di acquisire sempre più visibilità sulla scena internazionale.”

Richard Ginori, boutique a Firenze

Il flagship store, che si sviluppa in una serie di stanze, riproduce l’accogliente e calda atmosfera di un’elegante casa: le sale da pranzo, la cucina, il salone, la stanza degli innamorati, la zona living e la serra, con storiche vetrate decorate del famoso architetto fiorentino Tito Chini (1848-1947).

Ecco soffitti a cassettoni in legno e soffitti a volte decorati a mano con i Galli Ji Ondori, uno dei decori iconici della Manifattura, parquet antico recuperato in formelle Versailles, boiserie e arredi contenitori alle pareti nei toni del grigio profilati in nero e arredi recuperati come specchiere, tavoli e consolle riscaldano gli ambienti.

Da Via dei Banchi 17, il secondo ingresso del negozio, si svela la Modellazione, ovvero la rievocazione del laboratorio dell’artigiano con pavimenti in lastra di ghisa, tavolo da lavoro, vasi di terre colorate a parete e pannellature espositive.

Il flagship store di Via de’ Rondinelli per l’inaugurazione ospiterà un’esposizione temporanea fino al 21 luglio di tre opere originali di Gio Ponti restaurate da Richard Ginori: Coppa Donatella su funi (1925 circa), Piatto Isabella su fiore (1925 circa) e Vaso ornamentale (1930), i pezzi artistici creati dal Maestro, Direttore Artistico della Manifattura dal 1923 al 1930.

Sempre per celebrare l’inaugurazione del flagship store, Richard Ginori ha realizzato una collezione in esclusiva per lo store di via de’ Rondinelli, chiamata Volière.

Richard Ginori in Via de' Rondinelli a Firenze

Written by Monica

JazzAscona soggiorno di lusso

Maserati, la mostra del centenario