Publicis-Omnicom, fusione di lusso

Nasce un nuovo colosso della pubblicità
Un gigante bicefalo si affaccia da ieri sul mondo della pubblicità internazionale.

Le “teste” in questione sono due aziende leader del settore, la francese Publicis e l’americana Omnicom, che hanno unito le forze  per dar vita un nuovo colosso dell’advertising mondiale.

La neonata società, dal valore di 35 miliardi di dollari, è spartita al 50% tra i due gruppi e per i primi 30 giorni sarà guidata dalla coppia Maurice Levy-John Wren, attuali ceo di Publics e Omnicom. Trascorso il mese, Wren sarà l’unico amministratore delegato mentre Levy lo affiancherà in qualità di chairman non esecutivo.

Dalla fusione ci si aspetta sinergie per 500 milioni di dollari. Gli azionisti di Omnicom riceveranno 0,813 nuove azioni ordinarie del nuovo gruppo per ogni azione che possiedono, oltre ad un dividendo speciale di 2 dollari per azione e fino a due dividendi trimestrali di 0,40 dollari per azione. Gli azionisti di Publicis invece riceveranno una nuova azione della novella società per ogni azione posseduta oltre ad un dividendo speciale di 1 euro per azione.

L’intesa sarà completata entro il primo trimestre del 2014, quando la Publicis Omnicom Group, questo il nome di battesimo prescelto, sbarcherà sul listino azionario di Parigi e New York.

Avatar

Written by Chiara

Tina Turner, sposa in Armani

Papa Francesco in Brasile, un successo