Profumi di Pantelleria

Prepararsi all’estate 2012
Profumo come momento evocativo di piacevoli ricordi e di atmosfere lontane. Un abbraccio aromatico che ci accompagna durante tutto il giorno. Il segno distintivo della nostra personalità e del nostro umore.

Per alcuni, il profumo è anche un piccolo cassetto che, una volta aperto, ci trasporta in luoghi e momenti piacevoli del nostro passato. Tra i più piacevoli, i momenti ed i luoghi legati ai viaggi ed alle vacanze.
Luoghi come l’Isola di Pantelleria.

Piccola oasi di natura incontaminata, circondata da uno splendido mare e dove abbandonarsi ai piaceri della tavola. Il tutto avvolto dal fascino dei Dammusi, dal gusto dolce e caldo del Passito, dal profilo delle calette e dei promontori, dalla freschezza dei venti.

Sensazioni ed atmosfere racchiusi in “Profumi di Pantelleria”, una collezione di essenze dedicata a questo piccolo gioiello incastonato nel Mediterraneo, modellato dalla forza del mare e del vento.

Ed proprio al vento ed al mare che “Profumi di Pantelleria” dedica i primi due profumi di lusso: Maestrale ed Approdo.

Maestrale, si ispira all’omonimo vento, alla sua forza, che sferza il mare spumeggiante, ma anche alla quiete irreale che cala dopo il suo passaggio. Un profumo forte, legnoso e speziato, creato sulle note decise del bergamotto, della lavanda e del rabarbaro, accompagnate dalla sensualità del gelsomino, dell’iris, dal cardamomo e del coriandolo, avvolte dalle note del legno di cedro, del vetiver e dei semi di ambretta.

Approdo, è dedicato a quel breve momento durante il quale l’uomo è sospeso tra terra e mare. Un altro profumo forte, una fragranza legnosa e marina, dove, tra le note di fondo, ritroviamo il legno di cedro ed il vetiver, accompagnati dal matè e dal patchouly. Incisivo e penetrante il cuore di magnolia, pepe bianco e pepe nero, piacevolmente avvolto dalle note di mandarino, basilico, foglie di violetta e da uno splendido accordo minerale.

Pantelleria

Dal mare alla terra ferma, risalendo lungo le irte e strette stradine di Pantelleria, circondati dai profumi floreali ed agrumati caratteristici dell’isola.
Profumo di Pantelleria, una fragranza agrumata ed aromatica, è la sintesi degli inconfondibili ed indimenticabili profumi dell’isola. Le note dell’arancio, del mandarino, del bergamotto e del limone, si sposano con le note floreali della zagara, del gelsomino, del geranio e del timo, accompagnate dall’aromaticità del basilico e del rosmarino cresciuti sulla scura terra lavica, e dall’intensità della lavanda, seguite dal patchouly, dall’ambra grigia e dal muschio di quercia.

Dammuso è dedicato all’inconfondibile abitazione pantesca. Un’altra fragranza agrumata ed aromatica, ma con nuance più profonde e più “scure”. Gli agrumi sono più penetranti e aspri, con il pompelmo e la limetta che vanno ad affiancare il limone. Le atmosfere diventano ancor più esotiche e raffinate con la presenza del ribes nero, del the verde e del cardamomo, accompagnati dal cedro, dal sandalo, dal vetiver, e da piacevoli note muschiate.

Fragranze floreali e muschiate per Aire, ispirato alle caratteristiche aie che circondano i Dammusi, un tempo usate per “spaiare” i cereali. Fresche note di the bianco, cedro e kiwi, seguite da sensori di iris, gelsomino e pepe bianco, per chiudersi con la profondità e dal calore del muschio bianco, del matè e dalla Fava di Tonka.

Infine, il simbolo di Pantelleria più riconosciuto ed apprezzato nel mondo: il Passito di Pantelleria.
Splendido vino liquoroso che racchiude il calore del sole, la forza della terra ed i profumi dell’uva appassita. Profumi ai quali si ispira Passum, una fragranza aromatica ed intensa, con una forte personalità. In apertura, le note di incenso e mirra, armonizzate con le verdi foglie di nocciola, seguite dal cuore floreale e legnoso di iris, patchouly e sandalo indiano. In chiusura i sentori del muschio bianco, del cuoio e del lambano.

Danilo della Mura

Written by Francesca

Corum rinnova un mito

Speciale Sensoh Europe 2012