in ,

Pollock a Firenze

La mostra della settimana
Palazzo Vecchio a Firenze ospita dal 16 aprile al 27 luglio 2014 una mostra che mette sotto i riflettori i capolavori di uno dei massimi esponenti dell’action painting, Jackson Pollock.

L’esposizione “La figura della furia”, a cura di Sergio Risaliti e Francesca Campana Comparini, presenta una selezione di 16 opere del maestro del’Espressionismo Astratto che sono messe arditamente a confronto con quelle di un altro titano dell’arte, Michelangelo Buonarroti di cui quest’anno si celebra il 450esimo anniversario della morte.

Proprio a Palazzo Vecchio si conserva nel Salone dei Cinquecento Il Genio della Vittoria, una delle opere più celebri del Buonarroti, emblema di quelle tensioni contrapposte che caratterizzano la scultura michelangiolesca e che per vie sotterranee tornano a proporsi con assoluta enfasi nelle rivoluzionarie pitture di Pollock.

Il titolo “La figura della furia” vuole essere un riferimento allo stesso Pollock, alla sua figura nell’atto di dipingere le tele girandogli intorno, pervaso da impeto passionale e da un furore dinamico come in un rituale sciamanico.

Oltre ai 6 cruciali disegni – eccezionalmente prestati dal Metropolitan Museum di New York e per la prima volta esposti in Italia – sono presenti alcuni dipinti e incisioni di Pollock concessi da musei internazionali e collezioni private: opere ancora giovanili degli anni Trenta, Panel with Four designs (1934 -1938, The Pollock Krasner Foundation, New York – per gentile concessione della Washburn Gallery, New York) e Square composition with horse (1937 – 1938, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma), dipinti degli anni Quaranta The water Bull (1946, Stedelijk Museum, Amsterdam) e Earth Worms (1946, Museum of Art di Tel Aviv) dove il suo stile più personale, nell’ambito dell’espressionismo astratto, si va definendo.

La mostra si compone di una seconda sezione nel Complesso di San Firenze e più precisamente nella Sala della musica che offre spazi interattivi, apparati multimediali e didattici, dove, attraverso allestimenti creativi, si propongono proiezioni e filmati sulla vita e l’arte dell’artista.

www.pollockfirenze.it

Avatar

Scritto da Chiara

Stephen Colbert è il nuovo Letterman

Eataly apre a Verona