Pitti Uomo 86 trend primavera estate 2015

Stili e tendenze della moda uomo

Si è chiusa venerdì 20 giugno 2014 un’edizione da record di Pitti Uomo.

Mai tanti marchi come quest’anno, 1.090 più 75 collezioni donna per Pitti W, superati i 30 mila visitatori e ricchissimo il calendario di eventi correlati alla kermesse dedicata alle anticipazioni della moda uomo per la primavera estate 2015, dall’inaugurazione della nuova illuminazione di Ponte Vecchio a Firenze Hometown of Fashion, dalla mostra di Ferragamo al museo di palazzo Spini Feroni, all’inaugurazione del nuova boutique Richard Ginori passando per il glamourosissimo evento targato da Ermanno Scervino al Forte Belvedere e molto altro ancora.

Alla Fortezza del Basso naturalmente spazio anche per le tendenze per la prossima estate 2015. A Pitti Uomo c’era come di consueto di tutto suddiviso in sezioni: formale, informale, street style, sportwear, nuova classica, innovativa, accessori, artigianato, giovani designer e molto altro ancora.

Tendenza fra le tendenze è la ricerca costante di ironia. Dal look più formale a quello sportivo ecco che a fare da fil rouge sono dettagli originali senza essere necessariamente eccentrici. La prossima estate lo stile va a braccetto con la creatività per vivere la quotidianità dando sfogo alla propria personalità senza prendersi troppo sul serio.

Mood sportivo si ma sempre con un tocco chic. Ecco che da U.S. Polo Assn. arriva Bow Tie Polo, una polo in micro piquet stretch, collo e spacchetti laterali doppiati in oxford, bottoni in tessuto e a completare l’opera ci pensa un papillon fantasia (staccabile).

Ad interpretare questo status ci pensa anche PT Pantaloni Torino che a Pitti Uomo 86 fa il suo tributo all’estate con la collezione Fiji. A caratterizzare questo modello realizzato in chino, che acquista un inimitabile aspetto delavé grazie allo speciale finissaggio naturale, la rigogliosa e coloratissima vegetazione tipica delle isole dell’Oceania stampata sulle fodere interne e gli originali bottoni in cocco.

Stile sportivo e fantasia da vendere. Ecco che must have di stagione diventa la felpa di cotone con stampa floreale di Jaggy Uomo
che unisce l’atmosfera glamour del quartiere Coconut Grove di Miami al fascino di Marrakech oppure le proposte targate Happiness, che ha dedicato la sua collezione a Michelangelo, per celebrare il 450esimo anniversario della scomparsa dell’artista.

Come abbiamo anticipato, il nuovo must di eleganza è un mix tra formale e informale. Massimo Rebecchi lo interpreta alla perfezione proponendo come outfit principe: doppio petto, pantaloni fantasia e camicia con il papillon. Per la prossima estate le dimensioni urbane si fondono con quelle vacanziere e accanto a finiture sartoriali trovano spazio interpretazioni raffinate dello streetwear.

Un outfit da uomo non può prescindere dalla giacca. Lo abbiamo visto anche per i trend dell’estate 2014 e questo diktat si conferma anche a Pitti Uomo 86.
Aquarama, come sempre, punta tutto sullo studio dei materiali.
Tra le intuizioni principali quest’anno spicca l’utilizzo abbinato al cotone di una nuova fibra a base di ortica, che affonda le sue radici nell’antichità ed è oggi rivalutata grazie alle nuove scoperte tecnologiche. Eco-sostenibile e allo stesso tempo ipoallergenica, grazie alla struttura cava, la fibra di ortica presenta ottime qualità di termoregolazione, garantendo al corpo il mantenimento della temperatura ideale, per un capospalla fresco d’estate.
Uniche, originali e soprattutto easy-to-wear queste giacche sono facili da piegare e infilare in valigia, ma al tempo stesso sempre pronte ad un utilizzo night&day.

Quando si parla di giacche non si può non pensare alle creazioni di Tombolini che a Pitti Uomo 86 ha presentato una collezione dedicata ai suoi primi cinquanta anni di attività.
A celebrare questo importante anniversario ci ha pensato anche da Matteo Renzi che ha visitato per primo lo stand scrivendo sul libro degli ospiti: “Buon anniversario. Il futuro ha radici antiche, ma il meglio deve ancora venire”.
Il messaggio lanciato dalla maison è eleganza nell’attitudine ancora prima che nelle scelte del guardaroba. Tra le proposte scegliamo lo smoking in jersey, dal revers a scialle macroscopico che sfoggia una seta jacquard dal disegno optical; si allaccia con un bottone-gioiello, s’indossa con spavalda raffinatezza facendo rivivere l’indiscreto fascino della borghesia anni ’70.

Matteo Renzi da Tombolini - Pitti Uomo 86

Completa il look estivo il beachwear 2015. Roy Roger’s propone modelli boxer sui toni del bianco, azzurro e grigio con stampe di spiagge e surfisti.

Passando al mondo degli accessori e pensando a un’interpretazione della moda leggera e frizzante non possiamo che parlare di Gallo.
Per la prossima estate le calze da uomo si ispirano alla barriera corallina e si legano a una campagna di sensibilizzazione.
Le calze Gallo Reef sono un omaggio agli oceani incontaminati e un messaggio di rispetto per il pianeta: indossare i coralli senza danneggiare i mari.

Immancabili gli occhiali da sole accessorio numero uno quando si pensa all’estate.
Tornato a Pitti Uomo, Lapo Elkann lascia il segno con uno stand dedicato ad uno dei suoi più recenti successi; il programma Tailor Made. Tra le creazioni di Italia Independent un’occhiale in edizione speciale per celebrare i sessant’anni del Centro di Firenze per la Moda Italiana.

Eleganza, comfort e leggerezza tutto in una scarpa. Castori presenta la collezione primavera estate 2015 il mocassino in camoscio cachemire rosso arancio con dettagli in vitello.

Quando si parla di scarpa classica ma con una marcia in più ecco che diventa immancabile Sutor Mantellassi. La maison riedita il modello D’Annunzio con una raffinata lavorazione a tonet, dalla superficie mossa e complessa.

Tante anche le proposte leisure.
Testimonial d’eccezione da O.X.S. che per lanciare la nuova versione di Frank, iconico anfibio militare, ha scelto Piero Pelù.
A dare un tocco rock all’estate 2015 ci pensano dunque queste calzature artigianali caratterizzate da lavorazioni contemporanee, cotoni stampati, trattamenti tye and dye, spalmature a mano fatte con speciali resine colorate, pelli con stampe camouflage e materiali laminati e molto altro ancora.

Infine, sarà la febbre da Coppa del Mondo 2014 ma a Pitti Uomo il patriottismo era alle stelle e, negli abiti come negli accessori, la tendenza per la prossima primavera estate 2015 è quella del tricolore.
Se Cesare Paciotti propone sneakers decisamente made in Italy, Brimarts punta su stringate monocolore ma comunque iconiche. Chiudiamo con la proposta targata AnItalianTheory, dove tradizione e amore per la patria si mescolano in una collezione che è un vero e proprio inno all’Italia; segno distintivo: la pasta.

Gli occhi ora sono puntati su Milano Moda Uomo, kermesse meneghina che ha aperto i battenti lo scorso sabato.

Avatar

Written by Francesca

Stroili Loves Fashion

Picasso al Forte di Bard