Pitti Uomo 86, Ferragamo presenta Equilibrium

Tra arte e fashionInevitabilmente i giorni dedicati a Pitti Uomo, puntano i riflettori su Firenze.

In concomitanza con l’86esima edizione della kermesse dedicata alle anticipazioni per la primavera estate 2015 riguardanti il menswear, il Museo Ferragamo di Firenze ha deciso di inaugurare una mostra sull’arte del camminare.

Lo stesso Salvatore Ferragamo ha dedicato tutta la sua vita a studiare l’anatomia del piede e dell’arco plantare per realizzare “scarpe comode” che aiutino a “sentirsi felici”.

“Quando cominciai a studiare anatomia – ha scritto il designer nella sua autobiografia individuai il primo indizio per la soluzione del problema nella distribuzione del peso del corpo sull’articolazione del piede. Scoprii che quando stiamo in piedi il nostro peso poggia direttamente sull’arco plantare: una piccola superficie di pochi centimetri sostiene tutto il nostro peso che, quando camminiamo, si sposta da un piede all’altro”.

In questa nuova produzione del Museo dell’iconica maison, curato da Stefania Ricci e Sergio Risaliti, si mette in primo piano il fil rouge che lega le ricerche dello stilista con il mondo della scienza e dell’arte, dell’architettura e dell’archeologia, con il circo e la danza.

Spazio ad una serie di capolavori artistici eccezionalmente prestati dai più grandi musei del mondo come l’Ermitage di San Pietroburgo e la Galleria degli Uffizi di Firenze, il Museo dei Fori Imperiali – Mercati di Traiano, la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti di Firenze, il Musée d’Orsay, il Musée Rodin, il Musée des Beaux- Arts di Nantes, oltre che da istituzioni come la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, fondazioni, gallerie e collezioni private.

In rassegna, ecco le opere di Auguste Rodin, Edgar Degas, di Adriano Cecioni e Antoine Bourdelle, quelle di Henri Matisse, di Pablo Picasso e Fernand Léger, di Paul Klee e Alexander Calder, di Gino Severini e Marino Marini, quelle di Fausto Melotti e Giulio Paolini, e poi Bruce Nauman e Gorge Segal, Bill Viola e Marina Abramovic, che saranno affiancate a opere e reperti archeologici di grandissimo valore come il Piede di una Nike in bronzo dorato di epoca romana dal Foro di Augusto e il Rilievo con Menadi danzanti dal Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, a confronto con i dipinti di Antonio Canova e i disegni di Plinio Nomellini, gli scheletri danzanti di Alessandro Allori e le fotografie di Eadweard Muybridge.

A completare la mostra un film realizzato da Francesco Fei in collaborazione con Emanuele Enria con interviste a Wanda Ferragamo, Philippe Petit, Reinhold Messner, Eleonora Abbagnato, Will Self e Cecil Balmond, che spiegheranno al pubblico i concetti fondamentali della mostra dal proprio punto di vista e secondo la propria esperienza di vita, il proprio lavoro artistico, la propria professione. Due altri video realizzati con il contributo di James Ferragamo e Jerry Ferragamo.

L’inaugurazione della mostra è fissata per il oggi 18 giugno dalle ore 18,30 alle ore 21,00 su invito, presso Palazzo Spini Ferroni e sarà aperta ai visitatori dal 19 giugno 2014 al 12 aprile 2015.

E stasera, alle 21.30, in Piazza di Santa Trinita, la Suite dal balletto Carmen Firenze Danza festeggerà l’opening della mostra proponendo, in anteprima, una selezione di duetti tratti da Carmen – musiche di George Bizet e Rodion Shchedrin e regia e coreografia di Davide Bombana – che sarà al Teatro della Pergola dal prossimo 20 giugno.

Equilibrium al Museo Salvatore Ferragamo

Equilibrium
Mostra ideata e curata da Stefania Ricci e Sergio Risaliti in collaborazione con Emanuele Enria
Museo Salvatore Ferragamo. Palazzo Spini Feroni. Piazza Santa Trinita 5/R, 50123 Firenze
dal 19 giugno 2014 al 12 aprile 2015 orario 10.00-19.30
www.museoferragamo.com

Written by Monica

Melanie Griffith cancella Banderas dal braccio

Kim Kardashian snobba la casa di Liz Taylor