Picasso al Forte di Bard

La mostra della settimana
Il Forte di Bard in Valle d’Aosta ospita dal 20 giugno al 26 ottobre 2014 una mostra che mette sotto i riflettori i capolavori del pittore cubista più noto al mondo, Pablo Picasso.

L’esposizione “Pablo Picasso. Il colore inciso”, a cura di Markus Müller e Gabriele Accornero, raccoglie la bellezza di 140 opere realizzate con la tecnica della linografia.

Si tratta della più importante retrospettiva sulla produzione di linocuts del maestro spagnolo mai realizzata in Europa.

Un nucleo cospicuo di lavori è dedicato ai grandi temi della cultura del Mediterraneo – Arcadia, Minotauro, Mitologia – e documenta il percorso di acquisizione progressiva da parte di Picasso dei segreti di questa tecnica: dalle prime prove fino al culmine stilistico del 1959, ovvero i capolavori Fauno e Satiro, e la copia del Ritratto di giovane donna di Lucas Cranach il Giovane, realizzata a partire da un multi-blocco di linoleum e con un processo di successione di stati intermedi di grande complessità.

La produzione di linocuts si inserisce in una più vasta attività nel campo della grafica, che lo vede impegnato anche come illustratore, disegnatore, incisore e stampatore: Picasso ha prodotto nella sua vita più di 2.500 incisioni e si afferma dunque come il più originale e innovativo incisore del suo tempo. La sua produzione grafica si snoda, infatti, in un percorso parallelo a quello pittorico, ispirando e talvolta anticipando soluzioni formali e tecniche che la maggior duttilità espressiva del mezzo grafico gli permetteva di mettere in atto prima che in pittura.

In mostra non mancano pezzi di pregio provenienti dal Museo della Ceramica di Vallauris e wall papers di immagini dell’artista dei fotografi Magnum Robert Capa e René Burri e trenta fotografie scattate da David Douglas Duncan, fotoreporter americano legato da una stretta amicizia con Picasso.

Gli appassionati di cinema potrenno riposarsi dopo la visita nella sala delle Cannoniere dove è proiettato il film “Il Mistero Picasso”, documentario di 78 minuti del 1956 per la regia di Henri-Georges Clouzot, con la fotografia di Claude Renoir, che ottenne al Festival di Cannes del 1956 il Premio Speciale della Giuria.

Opera in ceramica di Picasso

Avatar

Scritto da Chiara

Pitti Uomo 86 trend primavera estate 2015

Pitti Uomo 86, chiusura positiva