Pechino: locali e alberghi

Alloggiare nel comfort a 7 stelle e mangiare i piatti della tradizione cinese, un viaggio alla scoperta del divertimento nella Capitale delle Olimpiadi 2008
Dopo aver fatto un tour di Pechino alla scoperta delle luoghi imperdibili esploriamo ciò che di meglio la città offre ai turisti e non solo.

In occasione delle Olimpiadi 2008 è stato inaugurato il primo Hotel a 7 stelle in Cina, il Pangu Plaza Hotel.
A pochi passi dallo stadio olimpico, l’albergo, progettato da Ricardo Bello Dias, fa parte di un complesso architettonico che comprende una torre con uffici, un museo e un eliporto, tre palazzi di appartamenti e, infine, l’edificio che ospita le 270 suite dell’albergo.
Indimenticabili i mille punti luce realizzati dall’italiana IGuzzini che illuminano il viale pedonale che attraversa l’Olympic Forest Park.

Da segnalare per i servizi offerti, anche il Grand Hyatt Beijing, un cinque stelle, situato nel cuore di Pechino in piena zona shopping, che dà la possibilità ai suoi ospiti di visitare la città a bordo di un auto con autista.

Non si può lasciare la Capitale senza aver assaggiato l’anitra alla pechinese. Il ristorante Qianmen Quanjude Roast Duck dal 1864 ha mantenuto invariato il metodo con cui prepara il piatto nel vero modo locale e  ancora oggi è assolutamente il luogo ideale dove assaggiarla.
Se quello che cercate è un posto romantico dove fare una cenetta a due, il LAN Club è ciò che fa per voi. Elegantemente arredato da  Philippe Starck è situato al quarto piano delle Torri gemelle, nel distretto di Chaoyang ed è perfetto per una cena intima.

Infine, il divertimento.
Tra i tanti i locali che animeranno le notti olimpiche della Capitale cinese, vi segnaliamo il Klubb Rouge, un lounge bar di 1400 mq al piano attico del nuovissimo China View Complex, in una zona in grande fermento per la vita notturna della città.
Firmato dal designer francese Imaad Rahmouni il locale è caratterizzato da un’opera di scultura della luce ideata e realizzata da Andromeda.

Nel cortile di un’ex fabbrica di armi, vicino al ponte Jiuxian nel distretto nordorientale Chaoyang, c’è 798 Art Zone. In questo vasto quartiere di artisti che qui lavorano, vivono e aprono gallerie è bello perdersi tra caffè biologici, negozietti di art & crafts e curiose librerie.
E se volete vivere a 360° la vita cinese, scegliete uno dei tanti posti dove si fa il karaoke e scatenatevi.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Abiti italiani su misura con la tecnologia 3D

La più antica bottiglia di Veuve Clicquot trovata in un castello scozzese