Park Hyatt Milano, soggiorno al top

Luxgallery partner del 5 Stelle Lusso

Quando si parla di hotel esclusivi, al top, l’idea che si ha è quella di ambienti raffinati, unici, dove l’esperienza del soggiorno si trasforma in un “unicum”, grazie a piaceri e attenzioni dedicate, location irripetibili, piccoli e grandi momenti di armonia e relax. Tutto questo è lusso, tutto questo è Park Hyatt Milano. Ecco dunque naturale la partnership tra Luxgallery e il 5 Stelle Lusso a due passi dalla Galleria Vittorio Emanuele, che l’8 ottobre prossimo festeggia il sesto anno di attività: due realtà che condividono gli stessi valori di esclusività, raffinatezza, attenzione al cliente. Così, settimana dopo settimana, Luxgallery vi farà conoscere l’hotel milanese – partendo dalla storia del palazzo che lo ospita -, i suoi servizi, le sue iniziative speciali, le sue novità, accompagnandovi in un viaggio nella raffinatezza e riservandovi l’opportunità di soggiornare a tariffe speciali dedicate.

L’edificio
Il palazzo che ospita il Park Hyatt Milano fu costruito fra il 1874 e il 1875, nello stesso periodo storico in cui fu realizzata la Galleria Vittorio Emanuele. Nel 1875 fu terminata la costruzione dell’edificio di 1740 mq., progettato da G.B. Torretta, che dal 1875 al 1877 ospitò l’albergo Confortable. Dai documenti dell’epoca emerge la descrizione di un albergo moderno e raffinato, con circa 400 camere, apprezzato dai numerosi ospiti, prevalentemente uomini d’affari, con ascensori e montacarichi per merci e bagagli azionati da una macchina a vapore, una rete per la distribuzione per l’acqua calda e fredda in tutti piani e caloriferi. L’illuminazione era affidata a 900 fiamme a gas.Al piano terreno si trovavano alcuni negozi e botteghe affittati a terzi. L’ingresso dell’albergo si apriva sull’attuale Via Mengoni.Alla fine del 1877 l’intero edificio venne affittato ai fratelli Bocconi che, interessati alla posizione strategica, ne fecero la sede della loro azienda commerciale. Inizialmente il magazzino si chiamò “Aux Villes d’Italie” ma la terminologia francese non fu bene accolta dai milanesi quindi nel 1880 il nome venne mutato in “Alle città d’Italia”. Il lussuoso emporio non aveva eguali in Italia e vendeva abiti, mobili e complementi d’arredo; si legge ne L’Illustrazione Italiana del 27 aprile 1879: “[…] Chi non ha passato un’ora girando il piano terreno, gli ammezzati e il primo piano, ammirando l’ordine, il buon gusto, l’opulenza, l’abbondanza delle merci messe in vendita? […] E la successione delle mostre meravigliose, dall’abito da 8 lire all’abito da 400 lire, dallo strofinaccio di cucina alla splendida tovaglia operata di filo di fiandra“. L’emporio dei fratelli Bocconi rimase in Via Tommaso Grossi per 12 anni fino alla costruzione del palazzo Bocconi, dove ora sorge La Rinascente.

Oggi Park Hyatt Milano rappresenta lo stato dell’arte dell’hotellerie di lusso in Italia. Una realtà fatta di camere e suite di altissimo livello, di una ristorazione al top, grazie al ristorante The Park, di ambienti raffinati come la lobby lounge La Cupola – sospesa tra arte e contemporaneità -, di location cosmopolite e informali come The Park Bar, di ambienti rilassanti e rigeneranti come La Spa. Appuntamento, dunque, alle prossime settimane per continuare questo viaggio nel lusso. E per chi volesse cominciare a scoprire Park Hyatt Milano “dal vivo”, grazie a Luxgallery, ecco come accedere alle tariffe speciali dedicate ai nostri lettori:

– Collegarsi al sito http://milano.park.hyatt.it/
– Cliccare sulla sezione “Camere e Tariffe”
– Selezionare le date del soggiorno
– Inserire nella sezione “codice gruppo/azienda” il codice CR51529: appariranno le tariffe dedicate a Luxgallery
– Effettuare la prenotazione

E allora… buon lusso e buon soggiorno.

Avatar

Written by Francesca

Askari ’63, sperimentazione

Nuova fragranza Brioni