Opera 60: debutto al Big Blu

Il maxi gommone verrà presentato al grande pubblico alla rassegna romana

La nuova versione di Opera 60, maxi gommone open con due cabine dalle rifiniture più accurate, vani tecnici meglio disposti e un garage per il tender sotto la scalinata di poppa, verrà presentato per la prima volta al grande pubblico nel corso del Big Blue, in programma alla Fiera di Roma dal 28 febbraio al 3 marzo.

Sottocoperta sono state aumentate le altezze in entrambe le cabine e in generale risulta migliorata l’abitabilità e la mobilità in ogni zona. L’equipaggiamento tecnico del modello esposto si compone di due unità turbodiesel Volvo Penta D6 da 370 cavalli.
La manovrabilità in spazi ristretti è merito delle particolari forme e di una propulsione con piedi poppieri, impossibile da applicare su altri scafi di questa lunghezza.
La carena progettata da Franco Camillo Bandino consente un passo sicuro e confortevole anche sul mosso e permette di navigare in planata a qualsiasi andatura con minimo dispendio di energie.
Realizzato mediante infusione di resina vinilepoxy su fibre aramidiche (Kevlar) e con strutture di tipo sandwich, presenta robustezza e un modesto peso.
Noto per le sue dimensioni e per l’immensa superficie di coperta, l’Opera 60 è soprattutto la proposta di un nuovo modo di navigare, con un mezzo che attraverso le tecnologie di costruzione e l’innovazione progettuale è capace di attraversare lunghe tratte di mare con un consumo di carburante ridotto.

DATI TECNICI OPERA 60
Lunghezza fuori tutto 18,40 m
Larghezza 5,40 m
Dislocamento in assetto di navigazione 11.000 Kg
Capacità serbatoio carburante 2000 litri
Capacità serbatoio acqua 400 litri
Posti letto 4 in 2 cabine
Bagno
Omologazione categoria A
Omologazione categoria B n° 45 persone
Navigazione ogni tempo 
Motorizzazione da 2 x 200 cv a 2 x 800 cv
Autonomia da 1200 a 2500 miglia

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

90 secondi per Louis Vuitton

Gentili & Roy: l’alta gamma nell’abitare