Off-White: cosa acquistare del marchio più popolare nel 2020

Piccola guida al brand Off-White: un marchio giovane dalla forte personalità che ibrida con successo eleganza, made in Italy, cultura pop e urban style

Le lunghe code che si sono formate alle porte degli store IKEA all’indomani del lancio della collezione di arredamento firmata da Virgin Abloh sono la dimostrazione di quanto lo stilista americano sia popolare anche qui in Italia e di come il suo stile continui ad essere apprezzato. Quando nel 2012 il brand Off-White iniziò a fare capolino sul mercato, in pochi avrebbero scommesso che sarebbe diventato uno dei marchi più conosciuti al mondo, tanto da scavalcare – secondo alcune classifiche – i giganti Gucci e Balenciaga. 

Descrivere il taglio di Off-White a quei pochi che ne ignorano l’esistenza non sarebbe difficile: si tratta di un marchio di abbigliamento streetwear in cui le peculiarità stilistiche di Abloh sono esaltate ed ostentate. Off-White non è soltanto il marchio delle star ma quello che forse meglio interpreta uno stile che vuole porsi a metà tra abbigliamento da skate ed alta moda. Non a caso Virgil Abloh ha più volte sottolineato l’italianità del marchio Off-White, che Milano ha il suo quartier generale.

Abloh, probabilmente, ha trovato un segmento di mercato fino ad allora inesplorato facendo una scelta stilistica e commerciale vincente. Le ormai famose “virgolette” sono parte essenziale del brand, così come lo è la cultura pop che affonda le radici nella serialità immaginata da Andy Warhol. Per il resto lo stile del brand è composto da tratti semplici, caratteri rigorosamente in caps lock, frecce e figure geometriche. 

Off-White: Felpe, Tute, Giacche e Cappotti

Off-White è sia felpe che giacche in tessuti ricercati. L’ibridazione di Virgil Abloh è palese e ben riuscita, tanto da riuscire a vendere sia l’abbigliamento da streetwear, tanto amato dai millennial, sia giacche e cappotti eleganti, altrettanto acquistati da un pubblico assolutamente trasversale. Passiamo quindi in rassegna alcuni dei prodotti bestseller di Off-White, adatti letteralmente per ogni occasione.

Parka e giacca oversize

Il brand pare prediligere i parka in ogni loro forma. Interessante l’ibridazione tra parka e felpa Off-White: uno dei modelli più acquistati è proprio il parka in colore blu cobalto, leggermente oversize e con laccetti al collo, in vita e all’estremità inferiore che tanto ricordano una felpa sportiva. Il tipico marchio in colore è posto su una delle grandi tasche presenti al lato. 

Altro modello bestseller di parka è quello realizzato in color kaki con patchwork, esattamente come altri capi della linea di abbigliamento. L’abbinabilità di questi prodotti non è un problema: una tuta nera Off-White è il completamento adatto per questo tipo di urban outfit che non teme la pioggia e i primi freddi.

Leggermente più formale, ed anche abbastanza estroversa, è la giacca oversize realizzata sia con patchwork sia a tinta unita. Questi modelli sono stati tra i più venduti in assoluto nella collezione Fall-Winter 2019/20. 

Felpe Off-White: le migliori scelte 2020

Un altro punto di forza del brand Off-White risiede indubbiamente nelle felpe. Queste sono rigorosamente realizzate nei colori più appariscenti, alcune con tonalità decisamente shocking. Una parte del catalogo felpe riporta il tradizionale brand a forma di croce o un semplice rimando alla parola “OFF”, presente anche nella collaborazione da poco conclusasi con il brand Nike; incredibili anche le felpe con il nome del marchio esteso. 

Anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta: è possibile scegliere sia felpe basic e sia modelli di successo come Public Television, Pascal Painting, Industrial o Abstract Arrows. Acquistando un capo Off-White, in conclusione, si può sempre essere certi di vestire un brand in netta ascesa e che mira a riconfermare i successi in fatto di stile e popolarità anche nel 2020.

Avatar

Scritto da Redazione

Intimo, pigiami e lingerie di Yamamay per donne formose

Miss Mondo 2019 Toni-Ann Singh dedica la vittoria a tutte le donne: «Per favore, credete in voi stesse»