Oculoplastica: anche gli occhi diventano più giovani

Si tratta di una branca super-specialistica dell’oculistica che oltre a risolve patologie molto diffuse rende gli occhi più belli
Zampe di gallina, borse, rughe? Pochi conoscono una branca super-specialistica dell’oculistica che può aiutarvi a risolvere questi problemi, oltre a patologie più o meno gravi molto diffuse, con trattamenti poco invasivi e senza cicatrici. Si tratta della chirurgia oculoplastica, diffusa negli Stati Uniti ma poco praticata in Italia.

Ecco tecniche mini-invasive per quanto riguarda il ringiovanimento chirurgico dello sguardo, ossia la blefaroplastica superiore e inferiore. In particolare per le palpebre inferiori le borse possono essere rimosse senza cicatrici esterne. Inoltre il chirurgo oculoplastico esegue tecniche di lifting endoscopico del sopracciglio che, se associato a una blefaroplastica, permette di ottenere risultati sorprendenti senza nessuna cicatrice visibile. Infine l’impiego della tossina botulinica per il ringiovanimento della regione peri-oculare (zampe di gallina e rughe glabellari e della fronte) nelle mani di un oculista con tale specializzazione sono tecniche aggiuntive, migliorative per l’estetica e a bassissimo rischio per il paziente.

Nel nostro paese sono pochissimi i chirughi con questa specializzazione. Per averla è necessario praticare una fellowship clinica  della durata di due anni all’estero, visto che in Italia non esiste una scuola apposita. L’unico ad aver acquisito competenze negli Stati Uniti è il ligure Francesco Bernardini, che ha studi privati a Genova e Torino, che ha già accumulato un’esperienza tale da diventare punto di riferimento addirittura negli Stati Uniti. «L’oculoplastica si colloca al confine tra oculistica, otorinolaringoiatria, neurochirurgia e chirurgia plastica -dice Bernardini-. Purtroppo è una specialità ancora poco conosciuta in Italia, anche se i problemi che potrebbe risolvere sono molto diffusi. Spesso ai pazienti vengono proposte soluzioni sbagliate o addirittura nessuna scelta, così i problemi si trascinano senza sapere che c’è qualcuno in grado di aiutarli».

Oltre alla chirurgia plastica con la specialità si curano patologie che interessano l’orbita, le palpebre e le vie lacrimali e che causano problemi dal punto di vista estetico e funzionale. Tra queste l’ofalmopatia tiroidea, un intervento chirurgico molto semplificato rispetto al passato, senza cicatrici visibili e in day hospital, l’ostruzione delle vie lacrimali, i tumori orbitari e delle palpebre, l’abbassamento delle palpebre superiori.   

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

M.I.A. per Marc by Marc Jacobs

Corneliani raddoppia in Russia