Novità in casa Azimut

Redazione
02/07/2010

Il Gruppo Azimut-Benetti presenta due importanti novità. Una è in nuovo modello Azimut 64, l’altra un nuovo cantiere in Brasile.

Novità in casa Azimut

Azimut 64 e Azimut do Brasil Yachts LTDAIl Gruppo Azimut-Benetti presenta due importanti novità. Una è in nuovo modello Azimut 64, l’altra un nuovo cantiere in Brasile.

Il nuovo flybridge è uno yacht di oltre 20 metri, erede naturale dell’Azimut 62. Dalle linee sportive è sicuro grazie all’omologazione in classe A: può affrontare ogni condizione di mare e vento. Lo scafo e le strutture sono state progettate cercando il miglior equilibrio tra materiali compositi tradizionali ed innovativi (come la fibra di carbonio) e successivamente prodotti attraverso il processo di infusione, che garantisce maggior solidità nei punti di maggior sollecitazione.  Allo stesso tempo riduce il peso dello scafo, consentendo migliori performance ai due motori Caterpillar da 1.150 Cv ciascuno e realizzando anche economie nei consumi.

Gli arredi sono stati studiati nell’ergonomia e nelle forme per permettere massimo comfort durante i momenti di relax e facilitare gli spostamenti di ospiti ed equipaggio. Esaltate anche la manovrabilità e la tenuta di mare dell’imbarcazione , per rendere la navigazione ancora più piacevole. Per dimensioni e dotazioni il fly dell’Azimut 64 si candida a essere il cuore della barca, il centro di gravità delle passioni dell’Armatore e dei suoi ospiti, un’area dedicata al relax e alla socialità. Merito del prendisole a prua e del tavolo servito da un divano e da un attrezzato mobile BBQ. L’area poppiera infine è customizzabile: può ospitare due chaise longue o, in alternativa, la postazione per il tender.

Inoltre, Paolo Vitelli, Presidente del Gruppo Azimut-Benetti ha annunciato la nascita di Azimut do Brasil Yachts, la società che gestirà la realizzazione di imbarcazioni a marchio Azimut tramite un proprio sito produttivo ubicato ad Itajai, nello stato brasiliano di Santa Catarina.

Il cantiere, pronto al decollo già a partire dal prossimo agosto e che in questa fase di start-up prevede la realizzazione delle prime unità entro giugno 2011, si sviluppa su una superficie complessiva di circa 200.000 mq che ne fa il più grande cantiere nautico coperto al mondo.

A regime, ad Itajaì si produrranno fino a 100 yacht all’anno, offrendo alla clientela locale un ampio range di proposte: 6 diversi modelli, 4 sotto gli 80 piedi e 2 sopra i 100.

L’investimento complessivo, che sarà distribuito nel corso di 5 anni, ammonta a circa 80 milioni di euro.

All’origine dell’operazione c’è la significativa crescita del mercato brasiliano della nautica da diporto che, dopo dieci anni di progressione continua, presenta oggi, anche grazie allo sviluppo dell’economia, importanti opportunità di ulteriore espansione soprattutto per quanto attiene le imbarcazioni superiori ai 50 piedi.

“Le caratteristiche del mercato nautico brasiliano” ha dichiarato Paolo Vitelli “si addicono particolarmente alla filosofia di Azimut, in grado di offrire design e qualità di prodotto eccellenti, oltre ad un servizio d’assistenza di elevato standard. Ad oggi siamo l’unico cantiere italiano che, grazie alla propria storica solidità patrimoniale, è in grado di affrontare un investimento così importante. Finalmente proporremo ai brasiliani, così sensibili ed interessati al fascino del lusso italiano, i nostri modelli originali, creando così ottime opportunità per aumentare la nostra già importante quota di mercato”.