New York Fashion Week PE 2015, ottavo giorno

Il meglio visto in passerella

Ha preso il via da poche ore la London Fashion Week e nel frattempo, con la giornata di ieri giovedì 11 settembre, si è conclusa un’edizione davvero sorprendente di New York Fashion Week.

Al centro le anticipazioni della moda donna per la primavera estate 2015 tra creatività e massima resa in termini di vestibilità.

Protagonista dell’ultima giornata della kermesse made in USA la collezione by Ralph Lauren.
La maison americana per eccellenza per la prossima stagione punta sul mood safari interpretato attraverso codici couture.
Capi superclassici proposti in tessuti preziosi. I dettagli fanno la differenza e così via libera a finiture da alta moda, cuciture termosaldate, gioielli importanti e abbinamenti materici e di stile di grande impatto.
Al centro della scena sahariana color kaki di taffetà, gilet di seta cruda, bluse svolazzanti o top di colore gioiello; e poi ancora pantaloni cargo, gonne ampie di tutte e cascate di cristalli. Via libera anche al total white or black, tinte sgargianti come naturali. In una parola; bon ton.

Gilles Mendel per J.Mendel non vuole rinunciare alla pelliccia nemmeno d’estate, sia per il giorno sia per la sera la propone in diverse fogge e colori.
Punto di forza le gambe messe in risalto grazie a lunghezze mini, pantaloni a sigaretta o giochi di trasparenze. Il colore è utilizzato per dare movimento a capi monocromo con attraverso disegni geometrici.

La maison Calvin Klein era stata già protagonista a New York con un party esclusivo dedicato al lancio del nuovo profumo di lusso Reveal.
Ieri, Francisco Costa ha invece presentato una collezione moderna e raffinatissima. Abiti fluidi e lineari movimentati da pannelli tono su tono o a contrasto. Le scollature sono profonde, belli i ricami in argento metallizzato così come le trasparenze.
Uno stile urban chic per viversi la città con una marcia in più.

Come sempre Marc Jacobs non lascia niente al caso. Partner dell’evento Beats by Dre, che hanno fornito le cuffie per ogni ospite, e il produttore discografico Steve Mackey che si è occupato della narrazione vocale che ha accompagnare lo spettacolo ispirata a un cortometraggio del 1976 di John Smith chiamato The Girl Chewing Gum.
Anche la scenografia non era da meno, un’imponente casa rosa, pensata per infondere un senso di felicità, attorno alla quale hanno camminato modelle in divisa poco truccate e con un caschetto parrucca in testa.

Ispirate alle immagini di Grace Slick scattate nelle proteste per la guerra del Vietnam negli anni ’60, le creazioni di Marc Jacobs per la prossima primavera estate 2015 sono uniformi di ribellione. Si spazia da abiti con scollo a V e cintura in vita a mise caratterizzate da grandi tasche cargo, bottoni lucidi e linee pronunciate, tute morbide, pantaloni cargo e scarpe che sono pir ciabatte.

Riconfermata in passerella Kendal Jenner, la sorellina di Kim Kardashian.

Durante l’ultima giornata di New York Fashion Week dedicata alle anticipazioni della moda donna per la primavera estate 2015, sono saliti in passerella anche: Norma Kamali, Jeffrey Dodd, Nili Lotan, Zaldy e Juan Carlos Obando.

Nella nostra gallery tutto il meglio di giovedì 11 settembre.

Written by Francesca

VicenzaOro Fall 2014, i numeri

George Clooney, oggi matrimonio civile a Londra