New York Fashion Week AI 2014-2015, giorno otto

Il meglio visto in passerella
Spenti i riflettori sulla New York Fashion Week.

Come di consueto, prima di passare il testimone a Londra, non sono mancati alcuni grandi big della moda made in USA da sempre affezionati all’ultimo giorno di kermesse.
Al centro naturalmente le anticipazioni della moda donna per l’autunno inverno 2014-2015 tra conferme, debutti e novità.

Ad aprire le danze Ralph Lauren con due sfilate. La prima segna di debutto in passerella della linea Polo Donna, 25 look giovani e dal mood sporty chic americano, seguiti dalla prima linea Ralph Lauren Collection.
“Amo il contrasto dello spirito eclettico e cool di Polo con il lusso e il glamour moderno di Collection: ciascuno rappresenta la mia visione dell’individualità e dello stile Ralph Lauren” ha raccontato il designer prima di presentare le sue due donne tanto diverse da poter essere tranquillamente la stessa in due fasi diverse della vita.
Ora educate dell’hupper eastside e con i loro abiti da scolarette, leggings, shorts, cardigan di maglia, camicie di panno a quadri e mood e colori a tema nativi americani, ora donne romantiche dallo stile minimalista. Cappotti formali, abiti asimmetrici e tailleur pantaloni dalla gamba abbondante ma con la riga stirata in mezzo. Vezzo eccentrico la pelliccia, ma certificata e autorizzata dall’associazione animalista Peta.
Chic ed elegantemente sportivo, Ralph Lauren si conferma essere il porta bandiera dello stile americano per eccellenza.

La collezione autunno inverno 2014-2015 targata J. Mendel è un mix-match di colori e texture.
E’ l’effetto sorpresa a movimentare capi geometrici nella forma frutto di un lavoro sartoriale sopraffino.
Gilles Mendel non rinuncia alla pelliccia e la declina ora come capospalla ora come gilet voluminoso fino  a dettaglio prezioso nè tanto meno ai tessuti e alle pelli pregiate.
Gli outfit per il prossimo inverno lasciano nell’armadio la banalità.

La donna firmata da Francisco Costa  per Calvin Klein è minimalista e raffinata.
In passerella salgono capi dalle tonalità basic, per abiti e completi, abbinati a capispalla declinati con colori pastello.
Se gonne, pantaloni e camicette hanno linee semplici nelle linee l’outwear è di design. A fare da fil rouge un mood rilassato dedicato a una donna un po’ punk un po’ nomade che ama il comfort oltre allo stile.

Dopo aver mostrato le anticipazioni targate Marc by Marc Jacobs, chiude il cerchio Marc Jacobs con uno show serale molto atteso, il primo dalla fine del rapporto tra il designer e Louis Vuitton. E se gli occhi in passerella erano puntati su Kendall Jenner, la più piccola delle Kardashian sisters, sotto un cielo di morbide nuvole oniriche, sono andati in scena
capi freschi, lontani dal mood melodrammatico proposto solitamente da Jacobs.
Colori neutri, tessuti morbidi, linee sobrie la donna della prossima stagione all’aggressività preferisce la gentilezza.
Tuniche, maglie over, pantaloni a sigaretta, abiti corti da indossare con stivali sopra il ginocchio, vestiti lunghi ingentiliti da balze e uso dei tessuti e dei colori ispirato a opere d’arte.

Giovedì 13 febbraio è salita in passerella anche la collezione Marchesa Voyage.

Nella nostra gallery tutto il meglio dell’ottava giornata di New York Fashion Week.

Written by Francesca

Van Cleef & Arpels, un planetario al polso

Topshop apre a New York