New York esplode centrale elettrica, il cielo si illumina di azzurro: scenario apocalittico

Bagliore blu elettrico avvolge New York: sembrava davvero la scena di un film apocalittico.

New York sa sempre come attirare i riflettori su di sé. Stanotte gli occhi di tutto il mondo puntati sulla Grande Mela. Davvero il cielo notturno di New York, illuminato a giorno da una luce azzurra fosforescente, ha conquistato non solo i residenti, i quali avranno non a torto avuto la sensazione di essere le vittime della prima invasione aliena della storia a noi nota, ma anche milioni di turisti. Uno spettacolo la skyline di New York, dovuta a tutt’altro motivo. Le ragioni, infatti, del cielo blu elettrico, sono da ricercarsi in una motivazione meno entusiasmante. Gli alieni non c’entrano affatto, ma riguarda un impianto dell’azienda Con Edison, nel Queens. La vera causa dell’illuminazione spettacolare del cielo di New York è l’esplosione di una centrale elettrica poco dopo le 21, ora locale, del 27 dicembre 2018.

Immaginate lo stupore dei newyorkesi di fronte alla luce azzurra fosforescente. I social sono stati letteralmente sommersi da scatti di ogni tipo, soprattutto Instagram, vera vetrina e testimone dell’evento inaspettato. L’atmosfera surreale, davvero incredibile, ha portato tutti con il naso all’insù, armati di smartphone e macchina fotografica per immortalare l’azzurro innaturale del cielo newyorkese. Fortunatamente nessun morto né ferito. Come riportato dalle autorità locali, che hanno immediatamente avvertito i residenti chiedendo loro di tenersi lontani dall’area tra la parte est di Astoria Est e il nord del Queens, «l’esplosione del trasformatore è stata determinata da un malfunzionamento non sospetto delle apparecchiature. Un portavoce della Con Edison, Bob McGee, ha affermato: «Ciò che la gente ha visto era un arco elettrico. L’arco elettrico di quella magnitudine è simile all’effetto fulmine/tuono. Il suono udito dalle persone era dunque l’arco che colpiva il suolo!».

Ora al di là della spiegazione puramente scientifica, è chiaro che l’incidente ha stimolato la creatività dei fotografi, che hanno voluto rendere omaggio con i propri obiettivi a quello spettacolo molto simile nelle tonalità all’Aurora Boreale. Il sindaco Bill De Blasio ha precisato: «Nessuna invasione aliena o minaccia dallo spazio!», chissà però che a qualche sceneggiatore tale situazione non faccia venire in mente di scrivere un nuovo film di fantascienza. Sarebbe un copione davvero originale.

 

Avatar

Scritto da Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Fiera Vintage di Forlì: al via l’8 marzo la 27esima edizione (tutte le novità)

Valentina Galassi, l’intervista esclusiva alla giovane modella: «Io vittima di bullismo, il lavoro mi ha aiutata!»