Nefer: fascino, diritti, quotidianità

A Palazzo Reale di Milano

Un viaggio affascinate alla scoperta dell’universo femminile e il ruolo della donna nella civiltà egizia: questo è “Nefer – La donna nell’antico Egitto”, fino al 9 aprile a Palazzo Reale di Milano.

Colta, in carriera, emancipata, ora angelo del focolare, ora manager ante litteram: la straordinaria modernità della donna egizia è analizzata nei diversi aspetti sociali e quotidiani grazie all’esposizione di oltre duecento reperti archeologici. Tra questi spiccano vere opere d’arte che restituiscono ed esaltano la bellezza femminile dell’antico Egitto e tutto il suo misterioso fascino.

Viste le premesse, il tema della donna egizia e della sua vita quotidiana presenta tratti fortemente e incredibilmente attuali, con i diritti civili, la personalità giuridica, l’indipendenza economica di cui godeva. Donna emancipata, aveva un ruolo primario nella società dell’epoca, che fosse regina, sacerdotessa, moglie o madre. Poteva possedere beni e di terre ed esercitava funzioni di controllo politico. Inoltre riceveva istruzione al pari dell’uomo e poteva svolgere incarichi dirigenziali. Non poteva però dimenticare la cura della sua bellezza e del suo fascino, da esercitare attraverso l’uso di monili e gioielli, in un raffinato gioco di ori e pietre preziose con particolare attenzione alla composizione e al gusto cromatico, o grazie alla cosmesi.

La mostra si presenta al pubblico anche come rara occasione di incontro con la storia raccontata attraverso il punto di vista femminile e non, come sempre è accaduto, attraverso le personalità maschili. La donna, infatti, nel passato ha lasciato poche tracce di sé, emarginata dai ruoli di maggior visibilità.

Dodici musei italiani ed internazionali hanno aderito all’iniziativa offrendo l’occasione di realizzare un percorso affascinante e in gran parte inedito. Importante l’intervento della Soprintendenza e della Fondazione al Museo Egizio di Torino che per la prima volta espongono una cinquantina di reperti inediti provenienti dai depositi vastissimi e sconosciuti al grande pubblico. È il caso dei venti sarcofagi di grande valore artistico e archeologico, del Museo Egizio di Torino, quindici dei quali esposti per la prima volta al pubblico.

Un percorso espositivo di oltre mille metri quadrati, è articolato in dieci sezioni che, partendo dal femminile nel divino, catturano l’attenzione e lo sguardo del visitatore verso le meraviglie del passato.

La mostra è stata realizzata dalla Fondazione DNArt di Milano in coproduzione con Palazzo Reale, grazie al sostegno scientifico della Soprintendenza per le Antichità Egizie del Piemonte e alla Fondazione del Museo delle Antichità egizie di Torino e alla collaborazione dei Musei Egizi di Vienna, Monaco, Berlino, Firenze, Bologna e Roma. Di grande rilievo, inoltre, la partecipazione di quattro Musei lombardi: il Museo Civico Palazzo Te di Mantova, il Civico Museo Archeologico “Paolo Giovio” di Como, il Museo Archeologico di Milano e i Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia.

Nefer. La donna nell’Antico Egitto
A cura di Elvira D’Amicone e Elena Fontanella
Catalogo Federico Motta Editore
27 gennaio – 9 aprile 2007
Sede Palazzo Reale, Milano
Produzione DNArt Fondazione
Tel. 02/29010404
www.comune.milano.it/palazzoreale

Avatar

Written by Redazione

BMW F 800 S

A Villa Eden di Merano il Five Star Diamond Award