Natura e tecnologia per il benessere

Le novità del Cosmoprof 2009

Convegni, incontri, business, design, benessere, nuovi stili: si è chiuso a Bologna il Cosmoprof 2009, dove sono state presentate le ultime frontiere del mondo del benessere e della bellezza. La tecnologia incontra la natura in prodotti, attrezzature e location esclusivi.

Grande attenzione è stata data al mondo delle Spa, con Cosmoprof Spa e Spa Symposium, forum strategico che ha riunito alcuni tra i massimi esponenti del benessere e dell’industria delle Luxury Spa in un contesto congressuale ed espositivo capace di fornire una prospettiva ottimale delle più recenti tendenze nel settore Spa in fatto di bellezza, trattamenti, design, progettazione, management.
Ecco i Concept Spa, modelli di Spa realizzati da alcuni dei più noti architetti del settore. Lo Studio Asia dell’Arch. Carla Baratelli e FisioSphere hanno presentato My Sphere, progetto innovativo e versatile, che ha nella personalizzazione il suo punto di forza. Tutto è ideato su misura e progettazione e design sono “contestualizzati” in funzione del target e della location, software di ultima generazione, ambienti avveniristici che utilizzano la tecnologia domotica, per garantire la massima funzionalità.
Aesthetic Vision di Massimo Magrini per Platform Srl è un progetto di Spa virtuale, che mette la tecnologia al servizio delle emozioni e del benessere, avvolgendo il visitatore in un mix di emozioni e sensazioni evocative. La natura incontra la tecnologia, i momenti tipici del rituale del benessere vengono raccontati con una tecnologia evocativa di forte impatto.
L’arch. Simone Micheli, invece, presenta il mood del prestigioso centro benessere dell’Hotel Exedra di Nizza. L’opera rappresenta un manifesto tridimensionale del possibile e voluto connubio tra architettura, sensorialità e benessere, che si fondono in un’atmosfera ancestrale.

Le nuove tendenze sono emerse nel Cosmoff Lab. Ecco il fascino del teatro, in cui predominano i toni del rosso, del nero e dell’oro, quale simbolo del trasformarsi per apparire, l’India e i suoi contrasti con i colori del mare e quelli caldi delle terre. I frutti e la natura con i loro colori accesi, il sogno e la tecnologia con i colori acidi e freddi.

Il lusso ha diverse sfaccettature: la natura si unisce alla tecnologia, l’esclusività alla naturalità. Ecco le novità presentate da Esagono, Ofurokneipp, Thalatepee Small e il Lettino Thermalie, in cui il calore del legno si unisce alle ultime tecniche in fatto di benessere, nonché le linee cosmetiche francesi che distribuisce in Italia, Gemology, a base di principi attivi estratti dalle pietre preziose, e Morjana.

Non può mancare l’oro, nel Golden Line Face Treatment di Yellow Rose con oro, seta, microsfere di collagene e oligopetpidi, trattamento anti-età e rivitalizzante, e nel profumo Ramon Molvizar Gold Collection in cui scaglie di metallo sono in sospensione nel flacone e impreziosiscono la pelle una volta che la fragranza viene vaporizzata. 

A base di estratti naturali le ultime novità della linea skin care di Angelo Caroli. Tra queste Organic Baby, ideata per il neonato, che attinge alla tradizione cosmetica di differenti culture, reinterpretando antiche ricette, e Organic Elements, il cui pordotto di punta è il siero liftante Ostriche liquide, ad effetto distensivo, grazie al collagene marino e al guscio delle ostriche.

Proprio per quanto riguarda i cosmetici biologici e naturali è nato a Bologna Cosmos, lo Standard Unico Europeo, condiviso dagli enti certificatori di Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Belgio. L’applicazione dei principi della chimica verde è un requisito indispensabile per ottenere la certificazione, mentre l’utilizzo della nanotecnologia viene severamente limitato, almeno fino a quando saranno disponibili informazioni più precise sui possibili effetti collaterali. I nuovi rigorosi standard europei prevedono due livelli distinti di certificazione, una per il prodotto biologico, una per il prodotto naturale. Per il primo impone che sia bio almeno il 95% degli ingredienti agricoli ottenibili con semplici metodologie fisiche di estrazione e almeno il 20% sul totale del prodotto finito, considerando anche l’acqua. Anche il prodotto naturale non dovrà avere più del 2% di materie prime di sintesi. Per un prodotto cosmetico garantito e di qualità si richiede il rispetto di requisiti animalisti e ambientali con un linguaggio comune, che copre dalla definizione delle diverse categorie di ingredienti cosmetici ai calcoli per quantificare le diverse percentuali di bio, di naturale e di petrolchimica residua, mai superiore al 2%.

Biotecnologiche le linee Bakel, che contengono il 100% di principi attivi e sono creati con un procedimento particolare. I prodotti sono ben tollerabili e adatti sia alle donne sia agli uomini e a ogni parte del corpo, grazie alla loro purezza.

Su tutto domina la polisensorialità. Ecco la Riutal Candle Massage di Gerard’s una candela che sciogiendosi diventa olio per il massaggio a base di olio di mandorla, olio di cocco, e burro di karitè, che nutrono e idratano la pelle.

Tra le novità riguardanti la profumeria artistica, ecco l’Eau de Taoyaka di Menard, che nasce nel cinquantesimo anniversario del marchio. La fragranza nasce per celebrare la bellezza delle donne giapponesi ed è racchiusa in un flacone creato dalla pittrice Ayuko Shimada, che si è ispirata a romanticismo e delicatezza. Il profumo floreale e fruttato è delicato ma allo stesso tempo sensuale grazie alle note di fondo del Feminine Energy Arome, complesso di olii essenziali estratti dai semi dell’Ambrette ricavato dall’Hibisucs d’Oriente.
La dinastia Rancé, una delle più antiche famiglie di profumieri al mondo, legata a Napoleone, riedita nel 2009 la fragranza che il capostipite Francois Rancé, più di duecento anni fa aveva dedicato appunto al condottiero francese. Ecco Trionphe, un millesimato creato con essenze naturali, selezionate e raccolte nelle annate migliori. Gli aromi agrumati lasciano spazio alla rosa bulgara, al gelsomino di Grasse e l’Iris di Firenze, per passare a sandalo e legno di cedro e accenti muschiati. La fragranza è racchiusa in un prezioso flacone sul quale è riproposto lo stesso fregio, simbolo del valore militare di Napoleone, lavorato come duecento anni fa.

Preziosa, sia nella cura del flacone in cristallo Baccarat sia nelle note, la nuova linea Royal Crown, dedicata a re e regine di oggi, presentata accanto alle creazioni Antonio Visconti, ognuna delle quali porta in sé una firma olfattiva univoca, grazie anche all’alta concentrazione delle essenze che non scende mai al di sotto del 16%. Tra questi Temps d’Hiver, cipriato ed elegante e Coeur de Vanille, avvolgente e goloso.

Tra le novità presentate da Kalaris Milano, il gel profumato e idratante, accanto alle linee per la cura del corpo e del viso che si ispirano al vino e al rito delle terme ai tempi dei romani e alla mora artica.

Per l’uomo, ecco Frac Lord Brummel N.1, agrumato, fiorito e ambrato, e N.2, legnoso, fiorito, orientale, ispirati alle fragranze commissionate dal gentlemen inglese a un profumiere francese perché evocasse la sua eleganza.

Infine, per gli amanti dell’equitazione Parfum Horse, da applicare su criniera e coda dell’animale, che oltre a evitare l’avvicinarsi di insetti indesiderati, ha note piacevoli per il cavaliere.

Avatar

Written by Redazione

I ventagli di Louis Vuitton

Parigi come un quadro