Museum, un video per comunicare

Il marchio veneto lancia “Time is up” per il progetto “desiderantes meliorem patriam”

Museum, marchio che unisce il fascino delle terre artiche a quello delle grandi metropoli, è sinonimo di continuità e innovazione, di una nuova cultura dello sportswear.
Per comunicare e condividere la sua filosofia, che si esprime nel motto “desiderantes meliorem patriam”, ha scelto di affidarsi a un racconto, “Time is up”, per la regia di Charlie Tango, che esprime la contrapposizione tra passato e futuro e un nuovo modo di pensare.

Il cortometraggio descrive l’espressione identificativa dello storico Order of Canada (la maggiore onorificenza canadese di cui vengono insigniti coloro che si sono distinti per essersi dedicati al bene della nazione e della comunità), che comunica un pensiero costruttivo, una tensione positiva verso un mondo ideale, la convinzione che ci possa sempre essere un miglioramento della società.

Museum crede in questo approccio critico e ha deciso di farsene portatore creando uno spazio virtuale, www.desiderantesmeliorempatriam.com, dove è possibile trovare e offrire spunti di riflessione.

Time is up” (che uscirà l’1 ottobre) è la prima testimonianza proposta da Museum, un primo territorio su cui confrontarsi: il focus è sul tempo e sull’ansia con cui oggi lo si vive, incapaci di gestirlo e travolti da esso. Si tratta di una provocazione per comunicare il modo in cui il marchio attualizza un motto apparentemente lontano, nel tempo e nello spazio, dalla nostra cultura.

Il progetto sarà uno spazio in cui fermarsi a meditare, dove emozionarsi, dove porsi domande, un mezzo per comunicare attraverso forme espressive diverse, un modo per condividere un ideale e per contribuire a un mondo migliore.

Titolo: Time is up
Durata: 10’
Regia: Charlie Tango
Cast: Lavinia Longhi, Rocco Ricciardulli, Antonio Sommella

Clicca qui per vedere il video

www.desiderantesmeliorempatriam.com
www.museumtheoriginal.com

Avatar

Written by Redazione

Il lampadario veneziano: Taif di Barovier&Toso

L’orsacchiotto più caro del mondo