Museum: le scelte stilistiche di Stefano Ambrosini

Il direttore artistico del marchio veste uomini e donne con capi contemporanei e facilmente distinguibili

Vi abbiamo parlato di Museum, della filosofia del marchio e delle collezioni, capi spalla, ispirati alle terre nord americane e rivisitati in chiave metropolitana.

Il progetto, che si esprime nel motto dello storico Order of Canada, Desiderantes Meliorem Patriam, che si richiama a un ideale profondamente sentito rivolto al miglioramento del proprio mondo e della propria patria, è guidato da Stefano Ambrosini, direttore artistico di Interpool spa.

Il valore che lo guida nella creazione delle proprie collezioni è vestire l’uomo e la donna di oggi con capi attuali ed inconfondibili per farli sentire a proprio agio senza rinunciare mai ad eleganza e raffinatezza.

La professionalità raggiunta grazie alla formazione presso la European Business School di Parma e  all’esperienza come responsabile di prodotto e di marketing di Mash, unita alla passione per i viaggi e ad uno studio incessante delle diverse culture, gli permettono di disegnare capi di stile e sempre in sintonia con i dettami del mondo del fashion. Inoltre, è stato recentemente nominato presidente della Confindustria Tessile di Verona per il biennio 2007-2009.

Il risultato della sua esperienza e della sua creatività è un abbigliamento che, mescola ispirazioni e citazioni da mondi diversi, senza dimenticare funzionalità ed eleganza.

Museum

Avatar

Written by Redazione

Natalie Portman e Te Casan presentano le scarpe vegane

Il cellulare farà la doccia