Mostre Treviso 2018: al Museo Santa Caterina “Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet”

Treviso: al via al Museo di Santa Caterina la mostra “Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet”

Dopo il successo delle mostre dedicate agli impressionisti, Treviso ospiterà un’altra grande esposizione dal titolo “Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet”.

Allestita a partire dal prossimo 24 febbraio al Museo di Santa Caterina, la mostra sarà conclusiva delle celebrazioni per il primo centenario della scomparsa di Auguste Rodin (1840-1917), completando così il programma di grandi esposizioni che quest’anno ha già coinvolto tra gli altri il Grand Palais a Parigi e il Metropolitan a New York. In Santa Caterina, che per l’occasione inaugurerà gli spazi integralmente restaurati della sala ipogea, saranno riunite oltre una settantina di opere compresi i capolavori fondamentali di Auguste Rodin. In un opportuno confronto tra sculture, anche di grandi dimensioni, e disegni. Perché, com’è noto, Rodin iniziò il suo percorso artistico frequentando la Petite Ècole, dove studiò soprattutto il disegno, avvicinandosi poi alla scultura.

In accordo con il Musée Rodin, Marco Goldin ha selezionato per questa ampia rassegna 50 sculture e 25 opere su carta. Tra le prime saranno presenti tutti i capolavori più noti dello scultore. Dal Bacio (immagine della mostra) al Pensatore, al Monumento a Balzac, all’Uomo dal naso rotto, all’Età del bronzo, sino alle maquettes, spesso comunque di vasto formato, delle opere monumentali, ovviamente intrasportabili o mai completate. I Borghesi di Calais e la Porta dell’Inferno, tra le tante.

“Da tempo desideravo proporre al pubblico italiano una mostra dedicata a Rodin, alla sua vita e alla sua opera, anche per il suo interesse tanto forte verso la cultura del nostro Paese. Sono davvero felice che questo possa avvenire nella mia città, Treviso, facendo scattare quella gara di ineguagliabile bellezza con Arturo Martini. E felice che il Musée Rodin abbia aderito alla mia richiesta con entusiasmo, ancor più motivato dal fatto che Treviso sia proprio la città di Martini. Credo non sarà inutile, nella prossima primavera, venire a Treviso per incontrare l’opera somma di due giganti della scultura tra XIX e XX secolo” – ha commentato Marco Goldin a proposito della mostra.

In copertina, Photo Credit: Auguste Rodin, La morte di Adone, 1891 marmo, 36 x 61,5 x 37 Parigi, musée Rodin © musee Rodin, foto Adam Rzepka – Courtesy of Studio Esseci

Written by Rebecca Fassone

Mostre Milano 2018: al via “I Love Pop Food”, un crescendo di golose suggestioni

Salone del Mobile 2018: anteprime della nuova edizione