Mostre Milano 2018: da Frida Kahlo a Boldini passando per Picasso, ecco la stagione delle grandi mostre meneghine

Mostre: grandi nomi a Milano nel 2018, da Frida Kahlo a Boldini

A poco meno di un mese dall’inizio del prossimo anno, il Comune di Milano ha presentato il programma di mostre del 2018 con anche qualche anticipazione del 2019. Dopo un anno segnato da Kandinsky al Mudec o Caravaggio al Palazzo Reale di Milano, il 2018 sembra proseguire in grande stile con nomi quali Picasso, Frida Kahlo o Boldini.

“Il calendario di oltre 60 progetti conferma le linee di sviluppo di una politica culturale che ha portato negli ultimi anni a una crescita costante dell’apprezzamento, da parte del pubblico e della critica, dell’offerta espositiva milanese” –  ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno. “Spaziando dall’arte antica al contemporaneo, intrecciando linguaggi diversi, con le sole costanti di una curatela di alto profilo che assicuri scientificità, ricerca, divulgazione e inclusione, il programma presentato oggi si muove lungo direttrici già tracciate, variando nei temi, negli artisti e nei contesti storici indagati”.

In particolare, ecco alcuni grandi nomi dell’arte: Albrecht Dürer, Paul Klee, Giovanni Boldini e Pablo Picasso ma anche Frida Kahlo. Non è tutto: i più importanti musei del mondo continuano a scegliere infatti Milano come sede privilegiata per raccontare le loro collezioni. Quest’anno è la volta del Philadelphia Museum of Art (Palazzo Reale, 8 marzo_2 settembre 2018), che porta a Milano una selezione importante delle proprie collezioni d’arte moderna e impressionista, con opere di Pierre-Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne, Henri Matisse, Pablo Picasso e Paul Klee. Questi, ovviamente, sono solamente alcuni dei grandi nomi che arriveranno a Milano: con il passare dei mesi vi terremo aggiornati sulle grandi mostre meneghine.

Written by Rebecca Fassone

Mostre Genova Natale 2017: al Palazzo Reale esposto il Presepe Savoia

Mostre Roma 2018: ai Musei Capitolini “Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento”