Mostre Ferrara 2018: al Palazzo dei Diamanti gli “Stati d’animo” tra Previati e Boccioni

Ferrara: al via al Palazzo dei Diamanti la mostra “Stati d’animo”

Dopo un 2017 ricco di grandi esposizioni, anche i primi mesi del 2018 sembrano regalare moltissime sorprese agli amanti dell’arte. A breve, per esempio, aprirà a Ferrara la mostra “Stati d’animo” che, allestita al Palazzo dei Diamanti, si propone di posare uno sguardo nuovo sull’arte italiana di fine Ottocento.

Nella rassegna verrà infatti indagata per la prima volta la poetica degli stati d’animo e con essa uno dei fondamentali apporti del nostro paese all’arte moderna. Dipinti manifesto come Ave Maria a trasbordo di Giovanni Segantini, Maternità di Gaetano Previati, il trittico degli Stati d’animo di Umberto Boccioni e altri importanti opere dell’arte italiana e internazionale tra Otto e Novecento, conducono i visitatori in un viaggio nei territori dello spirito. Si tratta di un momento decisivo per l’avvento della modernità che vede scienza e arte impegnate come mai prima nell’indagine della psiche, e gli artisti nella sfida di creare un nuovo alfabeto visivo capace di portare nell’opera la materia mutevole e inafferrabile degli stati d’animo. Tra di loro figurano i protagonisti della scena artistica dell’epoca, dai maestri del simbolismo e divisionismo, come Segantini, Previati, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, a uno scultore originale come Medardo Rosso, fino ai capofila dell’avanguardia futurista, Balla, Carrà e soprattutto Boccioni, che seppe raccogliere il testimone dalla generazione precedente e creare un linguaggio dirompente che pone «lo spettatore nel centro del quadro», per trascinarlo nella dinamica delle emozioni e nella polifonia della metropoli moderna.

Il percorso segue i passi degli artisti nella ricerca di un alfabeto delle emozioni, muovendo dal verismo psicologico per addentrarsi in un processo di rarefazione formale che approda alla sintesi astrattiva e dinamica della pittura di stati d’animo futurista. L’allestimento, a cura dello Studio Ravalli, che già aveva progettato con successo quello realizzato in occasione dell’esposizione dedicata all’Orlando furioso, gioca un ruolo importante nel racconto della mostra: è stato infatti studiato per creare uno spazio sospeso e immateriale immerso nell’oscurità, in modo da esaltare il potere di suggestione di dipinti e sculture, e favorire un loro rapporto diretto con l’osservatore. In questo contenitore rarefatto la narrazione scaturisce dal cortocircuito visivo tra le opere esposte e immagini, suoni, filmati che fotografano la temperie fin de siècle, tra positivismo e irrazionalismo.

In copertina, Photo Credit: Umberto Boccioni: La risata, 1911 Olio su tela, cm 110,2 x 145,4 New York, Museum of Modern Art. Dono di Herbert e Nannette Rothschild, 1959

Rebecca Fassone

Scritto da Rebecca Fassone

Milano Fashion Week 2018: Antonelli Firenze presenta a Milano Moda Donna la collezione FW 18/19

MIDO Milano 2018: Momodesign, una collezione tra arte e futuro