Moschino apre a Los Angeles

Monica
23/01/2015

In uno spazio di oltre 300 metri quadrati a Los Angeles, nel cuore del West Hollywood Design District, Moschino ha aperto il suo primo flagship store statunitense

Moschino apre a Los Angeles

La boutique della settimana

Moschino alla conquista di Hollywood.

In uno spazio di oltre 300 metri quadrati a Los Angeles, nel cuore del West Hollywood Design District, la maison ha aperto il suo primo flagship store a stelle e strisce.

Con questo monomarca viene inaugurato il nuovo concept store ideato dal direttore creativo Jeremy Scott, che ha dichiarato di aver desiderato “uno spazio come una galleria d’arte, una tela bianca per le mie collezioni”.

Il negozio si trova al 8933 di Beverly Boulevard, tra showroom di mobili e gallerie d’arte ma anche a pochi passi dallo store di Stella McCartney e dallo studio di design di Hedi Slimane.

Si tratta di un’ampia galleria luminosa, di forma rettangolare, con alti soffitti e una grande facciata di vetro enfatizzata dal logo Moschino, mentre i pavimenti e i complementi d’arredo hanno finiture di cemento e pietra, con sedute in pelle nera.

Gli interni del negozio, come le appenderie in lucide strutture cromate e le mensole, sono mobili per permettere al display di adattarsi ai temi delle collezioni.

Lo spazio ospita le collezioni abbigliamento ed accessori Moschino Couture donna e uomo, oltre a swimwear, intimo, gioielli, profumi e tech accessories.

Moschino store Los Angeles

La nomina di Scott come direttore creativo della griffe nel 2013 ha rinvigorito la casa, di proprietà di Aeffe SpA, come afferma a wwd l’amministratore delegato della maison Alessandro Varisco.

“Jeremy ha lo stesso DNA di Franco Moschino, è davvero un eccellente designer e comunicatore. Ma il signor Moschino era un comunicatore per gli anni Ottanta mentre Jeremy è fantastico con i nuovi canali come il web. Grazie al suo seguito sui social media, possiamo interagire con una gamma più ampia di persone e cambiare totalmente la loro visione del brand. Siamo più vicini ad un pubblico più giovane e di tendenza. Lo vedo dai numeri in crescita degli accessori e del ready-to-wear”.

Oltre alle prossime aperture a Berlino, Madrid, Miami, Tokyo e Seul, l’azienda prevede di rinnovare i suoi 13 punti vendita diretti e i 150 in franchising come Selfridges, Colette, 10 Corso Como e Opening Ceremony.

Il prossimo negozio progettato da Scott aprirà i battenti a Milano il prossimo maggio, seguito dalla nevralgica boutique di SoHo a New York.