Montblanc celebra John Lennon

Redazione
11/09/2010

Il 12 settembre 2010 a New York, Montblanc celebra il 70° anniversario di una leggenda della musica, John Lennon con una collezione di strumenti da scrittura a lui ispirata e dando il via ad un programma benefico per supportare l’accesso all’istruzione musicale dei giovani di tutto il mondo.

Montblanc celebra John Lennon

Strumenti da scrittura e charityIl 12 settembre 2010 a New York, Montblanc celebra il 70° anniversario di una leggenda della musica, John Lennon con una collezione di strumenti da scrittura a lui ispirata e dando il via ad un programma benefico per supportare l’accesso all’istruzione musicale dei giovani di tutto il mondo.

Per presentare questa nuova linea, la Maison organizzerà un evento, all’interno di una location d’eccezione, il Jazz at Lincoln Center, con vista su Central Park.

Susan Sarandon, madrina del progetto, svelerà agli ospiti lo strumento da scrittura e a seguire una performance musicale di Christina Aguilera che canterà una versione rivisitata di “Imagine”. L’evento proseguirà con la premiere del nuovo film di Sam-Taylor Wood “Nowhere’s Boy”. Il film, prodotto da Harwey Weinstein, narra i primi anni di vita di Lennon.

Tra gli ospiti attesi: Susan Sarandon, Christina Aguilera, Matt Dillon, Kate Beckinsale, Woody Harrelson, Donna Karan, Helena Christensen, Sam Taylor Wood, Aaron Johnson, Kate Walsh, Christina Ricci, Rosario Dawson, Kim Kardashian, Estelle, Melissa George, Karolina Kurkova, Donald Trump Jr, René Pape, Harvey Weinstein, Diane Kruger, Kristin Chenoweth, Christina Cole, Maggie Grace, Matthew Settle, Edie Falco, Kelly Brook, Aleksa Palladino, Amy Rice, Jamey Sheridan, Jane Krakowsk.

Durante la serata ci sarà un collegamento con cinque eventi Montblanc che si terranno nelle maggiori città di tutto il mondo per celebrare e sottolineare il messaggio di amore internazionale del grande autore.

Montblanc condivide la posizione di Lennon sull’importanza dell’arte e della cultura in una società. Per questo, da più di vent’anni, è attenta sostenitrice dell’arte in tutte le sue forme. In onore del compositore inglese, la Maison darà così il via ad un programma benefico che selezionerà e sosterrà i migliori progetti culturali nel mondo a sostegno dell’educazione musicale nei giovani.