Moncler, 2013 in crescita

Ricavi in aumento del 19% rispetto al 2012
Il 2013 è stato un anno memorabile per Moncler.

Il felice debutto in borsa della Maison di piumini di lusso più famosa al mondo è stato spalleggiato da numeri incoraggianti per quanto riguarda i ricavi e gli utili.

Moncler ha chiuso l’anno con ricavi in crescita del 19%, a 580,6 milioni di euro, e profitti pari a 96,3 milioni (+17%).

Le crescite sono state significative in tutte le aree geografiche e canali distributivi, in particolare, nelle Americhe la società ha registrato una crescita del 44% a tassi di cambio costanti, trainata dal forte aumento del canale retail ma anche dalla buona performance del canale wholesale sia negli USA sia in Canada. L’Italia ha registrato una performance positiva (+2%), in linea con le attese, nonostante la riduzione programmata dei punti vendita wholesale multimarca.

Al 31 dicembre 2013, il canale distributivo retail ha conseguito ricavi pari a 333,6 milioni di euro rispetto ai 251,5 milioni dell’esercizio 2012, con un incremento del 33% a cambi correnti e del 41% a cambi costanti, grazie allo sviluppo della rete di negozi monomarca retail e all’importante crescita dei negozi esistenti.

Il canale wholesale ha registrato ricavi in aumento del 7% a tassi di cambio costanti e del 4% a tassi correnti, passando a 247,0 milioni di euro nel 2013 dai 237,7 milioni nel 2012, nonostante la programmata riduzione dei punti vendita wholesale e la conversione da wholesale (Shop-in-Shop) a retail (concessions) di alcuni punti vendita monomarca.

Remo Ruffini, Presidente e Amministratore Delegato di Moncler, ha commentato: “il 2013 rimarrà per sempre un milestone per la storia di Moncler. E’ stato infatti l’anno che ha segnato non solo il decimo anniversario dal rilancio del brand e la conclusione con successo del processo di quotazione, ma è stato anche un esercizio in cui è proseguita la crescita a doppia cifra. Con Moncler la sfida era quella di coniugare l’heritage, l’eccellenza tecnica e la ricerca estetica, per esprimere l’estrema duttilità del piumino Moncler: un capo per la montagna ma anche per la città, indossato da tutti e per qualsiasi occasione. Oggi posso dire che il percorso intrapreso è andato nella direzione che avevamo progettato, impostato al futuro, all’internazionalizzazione, alla tecnologia e alla qualità. E dopo dieci anni sono ancora tante le sfide che Moncler è pronto a cogliere in tutto il mondo. Abbiamo puntato fin da subito alla qualità eccellente e alla coerenza, rimanendo sempre concentrati e vicini alla sua storia. Abbiamo ancora importanti mercati da penetrare e selezionate categorie merceologiche da sviluppare, continuando a creare prodotti speciali, mantenendo il nostro approccio da specialisti, per una crescita controllata. Per me essere speciali e specialisti è molto importante: se vuoi conquistare il mondo devi avere un linguaggio molto semplice e devi avere una storia unica da raccontare, proprio come quella di Moncler, una storia comprensibile a tutti i consumatori del mondo. Perché il mercato di Moncler è il mondo!”.

Remo Ruffini

Written by Chiara

Mode à Paris AI 2014-2015, primo giorno

Ivana Trump vende la sua reggia di Palm Beach