Molise, si trova a Trivento il coloratissimo albero di Natale fatto interamente all’uncinetto

Trivento, paese in provincia di Campobasso, ha allestito in piazza un albero di Natale davvero particolare: è stato realizzato tutto all’uncinetto.

Trivento, piccolo comune del Molise, che si trova sulla valle del Trigno, arroccato su un colle, è passato alla ribalta in questi giorni per via del nuovo albero di Natale allestito in piazza. Una struttura unica nel suo genere. Al centro del paese, che si trova al confine tra Molise e Abruzzo, è stato installato, infatti, un albero di Natale alto 6 metri e con un diametro di 3 metri e mezzo, costituito da 1300 «grani square», ossia piccole mattonelle fatte con la lana all’uncinetto. Già, avete capito bene, si tratta di un albero di Natale fatto interamente all’uncinetto. A realizzare quest’opera davvero singolare un gruppo di donne, animate dall’amore per l’uncinetto. A guidare l’allegra brigata Lucia Santorelli, appassionata di uncinetto appunto, che la scorsa estate aveva già catturato l’attenzione del pubblico per aver realizzato un tappeto dalla lunghezza record (grande circa 640 metri), tutto rigorosamente all’uncinetto, che era stato esposto per le vie della città e poi venduto. Il ricavato è stato devoluto in beneficenza. Tornando all’albero di Trivento, possiamo dire che ha raccolto il plauso non solo degli abitanti del paese, ma anche dei numerosi turisti, accorsi da ogni parte di Italia. L’albero di Trivento, realizzato home made, è stato protagonista di molti selfie e scatti, che hanno spopolato su Instagram e suscitato la curiosità del popolo del web, raccogliendo decine di like. Chi volesse visitarlo ha tempo fino al 6 gennaio, giorno dell’Epifania.

Come dicevamo quello di Trivento è un albero all’uncinetto unico nel suo genere, ma non sono pochi gli alberi stravaganti realizzati in Italia con i più disparati materiali. Pensate al colorato albero sulla spiaggia di Capojale, in provincia di Foggia, costruito da un gruppo di volontari, con oltre 6000 reste (le colorate reti tubolari note a chi pesca e alleva mitili!). E ancora quello di Niscemi, in Sicilia, realizzato con delle bottiglie di plastica. Insomma, largo alla creatività.

 

Avatar

Scritto da Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Belén Rodriguez nudità nella vasca da bagno: momento relax ‘bollente’ (FOTO)

Sagittario oroscopo Paolo Fox Dicembre 2018: buone stelle, ma non desiderare l’impossibile