Mode à Paris AI 2014-2015, giorno tre

Il meglio visto in passerella
Anche il terzo giorno di Mode à Paris ha portato sulle passerelle della Ville Lumière i grandi protagonisti della moda internazionale.

A prendere appunti di stile nel front row delle sfilate maschili dedicate all‘autunno inverno 2014-2015 non sono mancati vip e special guest d’eccezione.

Maison Martin Margiela punta sull’alta sartorialità senza rinunciare a un pizzico di estrosità. La scelta di rielaborare in chiave ultramoderna materiali inconsueti, come scarti di tende, si è rivelata vincente. Parka impermeabili, giacche da motociclista e cappotti in pelliccia sono i capi clou della prossima stagione fredda. Seduto in prima fila, Will Smith, si è presentato in gran spolvero per l’occasione.

Altro mostro sacro della moda d’oltralpe ad aver sfilato venerdì 17 gennaio 2014 è stato Givenchy. Riccardo Tisci ha fatto camminare i modelli su un campo da basket per sottolineare l’impronta sportiva della collezione, in cui spiccano maxi canotte, felpe, pantaloni larghi e scarpe da ginnastica. Avvistati a bordo passerella celebs del calibro di Kanye West, Noomi Rapace, Carine Roitfeld, Amanda Lear e Angel Haze.

Comme Des Garçons Homme Plus elegge a must have indiscusso del prossimo inverno la giacca nera con oblò ritagliati al posto delle tasche e cerniere posizionate in maniera bizzarra, aprendosi qua e là come squarci.

L’uomo John Galliano per l’autunno inverno 2014-2015 punta invece sul colore. Bill Gaytten porta in scena modelli che sembrano appena scesi dalla bicicletta: il designer inglese abbina blazer comodi con leggings neri striati con strisce sinuose e dai colori sgargianti come il viola intenso o il giallo sidro. Non mancano i cappelli, a tesa larga, distanti dal mondo dell’abbigliamento sportivo e dai materiali tecnici che questo richiede.

In passerella nella terza giornata di Mode à Paris, e nella nostra gallery, anche: Junya Watanabe Man, Juun.J, Kris Van Assche, Cerruti, Henrik Vibskov e Berluti.

Avatar

Scritto da Chiara

Facebook Top Brands 2013

Addio a Claudio Abbado