Moda italiana, un portale per celebrarla

Francesca
06/12/2011

Il Portale Archivi della Moda del Novecento raccoglie il patrimonio archivistico, bibliografico, iconografico e audiovisivo che consente di ricostruire la storia della moda made in Italy del '900

Moda italiana, un portale per celebrarla

Archivi della Moda del Novecento
Inauguarto qualche settimana fa il Archivi della Moda del Novecento raccoglie il patrimonio archivistico, bibliografico, iconografico e audiovisivo che consente di ricostruire la storia delle aziende e dei protagonisti della moda made in Italy.

Il portale, strutturato con un taglio esclusivamente storico-culturale che lo distingue da progetti simili, rende accessibili agli utenti 2.200 prodotti di moda, 150 complessi archivistici, 550 oggetti digitali, oltre a 25 percorsi tematici, 80 biografie e a una storia della moda nel ‘900, articolata per decenni.

Ecco allora che profili biografici, filmati, bozzetti, corrispondenze, rassegne stampa, fotografie e filmati di grande valore storico si integrano con la descrizione di complessi documentari conservati presso gli Archivi di Stato.

Il progetto, promosso dalla Direzione Generale per gli Archivi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha come partner imprese del settore, associazioni di categoria, scuole, agenzie e riviste specializzate, tra cui le fondazioni Ferrè, Micol Fontana e Roberto Capucci, la maison Gattinoni e il museo Ferragamo.

L’obiettivo di fondo che ha mosso questa imponente ricerca stato quello di far emergere, scoprire, valorizzare e rendere fruibile un ampio ventaglio di fonti finora inesplorato, se non sconosciuto.Archivi della Moda del Novecento - Logo

Il progetto ha esploranto dunque tematiche relative al “sistema moda” in generale, sullo sfondo delle città capitali della moda in Italia e nel mondo (Firenze, Milano, Roma, Parigi, Londra, New York).

Grande attenzione è stata data all’importanza del recupero e della conservazione degli archivi della moda: archivi cartacei, vere miniere di informazioni per la ricostruzione dei percorsi di formazione di queste peculiari “aziende”, ma anche “archivi materiali”, che testimoniano il lato creativo della loro storia.

moda.san.beniculturali.it